Me

Il crowdfunding per salvare la Grecia

Un ragazzo sta cercando di raccogliere fondi per raggiungere la cifra di 1,6 miliardi di euro per salvare la Grecia e chiede il tuo aiuto

Immagine di copertina

Mentre il governo della Grecia e i suoi creditori europei sono ai ferri corti per l’imminente scadenza di una rata del prestito, un giovane di 29 anni che viene dalla contea britannica dello Yorkshire ha trovato una nuova soluzione.

Thom Feeney, che dice di essere stanco dei politici “titubanti”, ha creato una pagina di crowdfunding sul sito IndieGoGo, con cui spera di raccogliere 1,6 miliardi di euro per contribuire a salvare la nazione greca.

Ci sono 503 milioni di abitanti in Europa. Secondo la sua logica, avremmo bisogno soltanto di una cifra esigua di circa tre euro per persona (lo stesso prezzo di una confezione di feta e di un’insalata di olive) per raccogliere questa cifra.

“Penso che dobbiamo investire in qualcosa che possa crescere, che sia una persona, un’azienda o una nazione come la Grecia,” spiega Feeney al The Independent online. 

“Sembra esserci stato uno sforzo da parte di molti media per comunicare al pubblico che tagli, privazioni e austerità siano condizioni necessarie alla crescita, ma questi conti non mi tornano”.

La sua idea di salvataggio, basata sul principio “dalle persone, per le persone”, sembra aver conquistato il continente. Feeney afferma di essere stato inondato da messaggi di supporto.

Più di 2.000 persone hanno donato fondi in meno di 24 ore e la pagina è stata creata soltanto il 29 giugno, anche se c’è ancora una lunghissima strada da fare per raggiungere la somma di 1,6 miliardi di euro.

“Spero davvero che la campagna raggiunga il suo obiettivo”, ha aggiunto Feeney ottimisticamente riguardo alla pagina di IndieGoGo. “Penso che sarà una vittoria per il potere delle persone. Sì, è un’impresa ardua ma credo davvero che possa funzionare.”

L’articolo è stato originariamente pubblicato qui. Traduzione a cura di Irene Fusilli

— Leggi anche: La crisi in Grecia, spiegata senza giri di parole