I pastori dell’Etiopia sfrattati dal governo
Condividi su:

I pastori dell’Etiopia sfrattati dal governo

Da diversi anni il governo etiope vuole sfrattare i pastori hamer per appropriarsi delle loro terre. Decine di persone sono state uccise quando hanno provato a resistere

09 Giu. 2015  

Gli hamer sono una tribù indigena che vive nella valle dell’Omo, nel sud dell’Etiopia. Sopravvivono di pastorizia e agricoltura di sussistenza.

Il governo etiope, però, da anni cerca di sfrattare la popolazione hamer per appropriarsi delle loro terre. E quando loro si rifiutano, l’esercito interviene con pestaggi, stupri e arresti arbitrari.

Secondo quanto denuncia Survival International, organizzazione non governativa che difende i diritti dei popoli indigeni, negli scorsi giorni circa dieci persone sono morte negli scontri tra esercito e pastori locali.

“Gli abitanti del mio villaggio si sono rifiutati di muoversi”, racconta un abitante del villaggio di Gambella, nella valle dell’Omo, in un’intervista con i ricercatori del think-thank californiano Oakland Institute.

“Hanno iniziato a sparare in aria con i fucili. Ma anche se cercavano di intimidirci, non ci siamo mossi: questa è la nostra terra, perché dovremo andar via?”.

Gli hamer e gli altri abitanti di questa regione – tra cui i gruppi di etnia mursi e bodi – sono vittime di una politica del governo etiope chiamata villagizzazione: per lasciare le terre a investitori che vogliono sfruttarne le risorse minerarie o trasformarle in piantagioni su scala industriale, i contadini locali vengono sfrattati e trasferiti forzatamente in altri villaggi. 

“Il governo ci ha detto che se non li asseconderemo, saremo sgozzati in pubblico come capre”, ha detto a Survival international un rifugiato di etnia hamer.

Agli sfrattati sono stati promessi cibo, scuole e servizi sanitari gratuiti, ma le promesse non vengono sempre mantenute.

“Il governo ottiene fondi dagli investitori, ma questi soldi non arrivano mai alle comunità sfrattate: le istituzioni si riempiono le tasche e i contadini muoiono di fame”,  denuncia uno degli abitanti.

In Etiopia metà del Prodotto interno lordo deriva dall’agricoltura e quattro persone su cinque vivono nelle aree rurali. Da metà del 2000, il governo etiope ha assegnato milioni di ettari di terra a investitori stranieri.

Il programma di sviluppo agricolo governativo prevede lo spostamento di 1.5 milioni di famiglie dalle loro terre a nuovi villaggi costruiti dal governo.

Diverse associazioni umanitarie, però, denunciano che gli spostamenti non sono volontari e sono accompagnati da minacce, arresti arbitrari, stupri, pestaggi e sequestri.

“Questo non è sviluppo: gli investitori stanno distruggendo la nostra terra e la natura”, protesta un abitante del Benishangul, regione nell’ovest del Paese.

“Non c’è scuola, non c’è cibo, distruggono tutte le risorse naturali. Il bambù qui è fondamentale per la vita delle persone: viene usato come cibo, per il bestiame, per le case, per il fuoco, per tutto. Ma gli investitori distruggono pure quello”.

—> Leggi anche: Riti tribali in Etiopia   

—> Guarda la gallery: Le donne frustate dell’Etiopia del Sud