Me

L’Isis ha conquistato Palmyra

Lo Stato Islamico ha preso il controllo dell'importante sito archeologico e patrimonio dell'Unesco di Palmyra, nella Siria centrale

Immagine di copertina

I miliziani dello Stato Islamico hanno preso il totale controllo dell’importante sito archeologico di Palmyra, che si trova nella Siria centrale.

Nella notte tra il 20 e il 21 maggio, sono rimasti uccisi oltre 100 soldati dell’esercito regolare siriano. Le truppe governative fedeli al presidente della Siria Bashar al Assad si sono ritirate e migliaia di civili sono in fuga.

Guarda la gallery: Le meraviglie di Palmyra 

I miliziani dell’Isis controllano ora le strutture militari della città di Tadmur, dove sorge Palmyra. I reperti sono stati portati via, ma le strutture architettoniche sono a rischio.


Palmyra, nota come la perla del deserto, è uno fra i principali siti archeologici del Medio Oriente: ospita monumenti costruiti 2.000 anni fa ed è patrimonio dell’Unesco.

È la prima volta che i miliziani conquistano una città sotto il diretto controllo dell’esercito siriano.

Si teme che la conquista di Palmyra, a 210 chilometri da Damasco, possa portare all’avanzata dell’Isis verso la capitale della Siria. Lo Stato Islamico ha già preso controllo del 50 per cento del Paese, scrive Reuters.

Guarda la gallery: Le meraviglie di Palmyra