Me

La vita delle donne sotto l’Isis

Obbligate a portare veli multi-strato, guanti e abiti larghi. Proibito uscire di casa senza un accompagnatore maschile

Immagine di copertina

Le donne che vivono nelle aree controllate dallo Stato islamico vengono sottoposte a condizioni sempre più dure per quel che riguarda gli abiti da indossare e la libertà di movimento.

— Che cos’è l’Isis e cosa vuole Abu Bakr al-Baghdadi, spiegato senza giri di parole

Secondo quanto raccontato da fonti locali al Guardian, le donne che abitano a Raqqa, Mosul e Deir-el-Zour vengono obbligate a indossare veli multi-strato, guanti e abaya larghi.

— Un video segreto mostra la vita a Raqqa, nella roccaforte dell’Isis

Inoltre, possono lasciare le proprie case soltanto se accompagnate da un uomo che le sorvegli, il mahram.

Le regole vengono applicate minuziosamente dalla polizia religiosa, l’Hisbah.

Le testimonianze raccolte dal quotidiano britannico arrivano un mese dopo la pubblicazione di un manifesto da parte dell’Isis intitolato Donne dello Stato islamico, con l’intento di “chiarire il ruolo delle donne musulmane e lo stile di vita che viene loro richiesto”.

Il documento stabilisce che le ragazze possono sposarsi a partire da nove anni di età, e che idealmente dovrebbero prendere marito entro i 16 o 17 anni.

— Il mercato delle schiave yazide, comprate dai miliziani dell’Isis

È loro obbligo quello di rimanere sempre velate e di astenersi dal lavoro, colpevole secondo lo Stato islamico di “corrompere” le anime delle donne.

Campagna regione lazio