Me

Obama e Putin non si incontreranno

Il presidente degli Stati Uniti annulla il meeting e la Russia reagisce esprimendo la sua delusione

Immagine di copertina

Barack Obama non parteciperà al meeting con Vladimir Putin. La motivazione sembra essere legata alla “decisione della Russia di concedere asilo temporaneo a Edward Snowden”. Il Cremlino ha espresso la sua delusione per l’annullamento del vertice.

Mosca, nonostante il suo disappunto, ha comunicato che l’invito al presidente degli Stati Uniti è ancora valido. “Gli Usa non sono ancora pronti a costruire rapporti con la Russia su basi paritetiche”, ha detto un portavoce del governo russo.

Oltre al motivo principale dell’annullamento, ovvero l’asilo concesso a Snowden, gli Usa avrebbero considerato “la mancanza di progressi su temi quali il sistema di difesa missilistico, il controllo degli armamenti, le relazioni commerciali, la sicurezza globale, i diritti umani e civili in questi ultimi 12 mesi” come delle ottime ragioni per rinviare il vertice a quando qualcuno di questi temi sarà abbracciato con successo. “Abbiamo informato il governo russo che noi crediamo che sarebbe più costruttivo rinviare il vertice finché non avremo più risultati della nostra agenda comune” ha detto il portavoce della Casa Bianca Jay Carney.

Al posto del vertice con Putin, Obama ha inserito in agenda una visita in Svezia, il 4 settembre. “La Svezia è un caro amico e un partner per gli Stati Uniti – si legge in una nota – svolge un ruolo di leadership chiave sulla scena internazionale, in vista di nuove opportunità commerciali e di investimento”.

Non mancano le prime critiche per la decisione presa: John Boehner dell’ufficio della Camera dei Rappresentanti ha criticato la gestione del presidente Obama dei rapporti con la Russia. Mark Katz, analista russo presso la George Mason University, ha detto che Obama ha fatto una scelta ragionevole: “Penso che sarebbe stato disastroso per Obama – ha detto – dal punto di vista della politica interna americana, se fosse andato a Mosca con Snowden ancora lì, si può solo immaginare come i critici di Obama avrebbero reagito”. Un analista della Duma, Vladimir Zhirinovsky ha descritto tutto quanto come una “mancanza di rispetto”: “Se decidete di rimandare o annullare completamente gli incontri tra capi di stato, con il pretesto del rifiuto di consegnare una persona, allora le relazioni tra i paesi non esisteranno più”, ha detto Zhirinovsky.

“Ci sono dei momenti – ha detto Obama al “Tonight Show” – in cui i russi tornano a vedere le cose come se fossimo ancora in Guerra Fredda”. “Questa mentalità appartiene al passato”. Ma un incontro tra Russia e Usa ci sarà: venerdì, il segretario della Difesa e il segretario di Stato americani incontreranno in una riunione pianificata i loro corrispettivi russi per approfondire il tema della guerra civile in Siria.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Jennifer Psaki ha detto che se questo è il momento sbagliato per un incontro presidenziale, i contatti di livello inferiore sono fondamentali per preservare i rapporti tra i due Stati.