Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Viaggi

Perché le compagnie aeree allungano i voli di proposito? Colpa del “padding”

Immagine di copertina
Crediti: Getty

Viaggiare in aereo a volte è un grande rischio. Quante volte è capitato che le compagnie aeree cancellassero voli da un momento all’altro? Tante, troppe volte.

E, invece, vi siete mai chiesti perché le compagnie aeree allungano di proposito la tratta dei voli? C’è una motivazione per questo fenomeno e risponde al nome di “padding“.

Se dieci anni fa una tratta aerea impiegava minor tempo, ad oggi l’unica spiegazione accettabile è il padding (in inglese significa letteralmente imbottitura). Chi è un abitudinario dei viaggi in aereo avrà notato che negli ultimi anni alcuni tempi di percorrenza sono stati allungati. Si tratta di un sistema preciso che nel corso del tempo ha permesso di raccogliere dati sui frequenti ritardi delle linee aeree.

Le tratte maggiormente soggette a ritardi hanno scelto di indicare un tempo di percorrenza maggiore per offrire un margine di ritardo minimo e conveniente. In genere, i voli vengono considerati in orario se non mostrano un ritardo maggiore a 15 minuti.

3 siti poco noti per risparmiare sulla prenotazione dei voli

Al momento della prenotazione, il tempo di percorrenza stimato talvolta è maggiore rispetto a quello effettivo. Questo vuol dire che si ha la possibilità di poter arrivare puntuali anche quando la partenza avviene in ritardo.

Una falsa puntualità, dunque, che in realtà mette sul piatto della bilancia il fattore “ritardo” che i passeggeri odiano profondamente.

Il padding è un sistema di tutela per le compagnie aeree che vanno incontro a richieste di risarcimento dovute a gravosi ritardi.

Ad esempio, nel 1996 la tratta aerea Londra Heathrow-Dublino richiedeva tra i 60 e i 74 minuti. Oggi, la stessa tratta prevede un percorrenza che va dai 75 agli 89 minuti. La stessa cosa vale per i voli intercontinentali: i voli  che partono da Londra per arrivare a JFK di New York nel 1996 impiegavano 7 ore e 30, mentre oggi superano le otto ore di viaggio.

Un cambiamento che può dipendere anche dalle lunghe procedure di rullaggio e decollo, di cui i passeggeri non dovrebbero essere a conoscenza anche se è poi trapelata dai dati raggruppati negli ultimi decenni.

Ti potrebbe interessare
Viaggi / Vacanze nell’incantevole Valsugana
Viaggi / Quali sono i borghi italiani più ricercati sui motori di ricerca?
Viaggi / Promozione turistica intervista Massimo Vanzulli
Ti potrebbe interessare
Viaggi / Vacanze nell’incantevole Valsugana
Viaggi / Quali sono i borghi italiani più ricercati sui motori di ricerca?
Viaggi / Promozione turistica intervista Massimo Vanzulli
Economia / Brexit e accordi commerciali con l’UE: cos’è davvero cambiato?
Economia / Con il Fondo Nazionale del Turismo, CDP investe fino a 2 miliardi di euro negli alberghi storici
Viaggi / Emirates: nuove offerte per gli studenti, con sconti in Economy e Business Class
Milano / Easy Jet: partnership con Emirates per i voli da Malpensa a Dubai
Viaggi / È italiano il miglior albergo al mondo per rapporto qualità/prezzo
Milano / Covid-19 e ricerca: SEA collabora alla validazione del Test Rapido Salivare per la diagnosi
Viaggi / Terranostra Lombardia: un nuovo sito per il rilancio del turismo rurale post-Coronavirus