Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Tecnologia

Twitter: il primo tweet della storia è stato venduto per 2,9 milioni di dollari

Immagine di copertina

Il fondatore di Twitter, Jack Dorsey, ha venduto all’asta per beneficenza il primo “cinguettio” a un imprenditore malese che lo ha paragonato addirittura alla Gioconda di Leonardo da Vinci

Il primo tweet in assoluto del fondatore di Twitter, Jack Dorsey, è stato venduto all’asta per beneficenza per l’equivalente di 2,9 milioni di dollari a un uomo d’affari malese, che si è detto convinto della bontà del proprio investimento, paragonato addirittura alla Gioconda di Leonardo da Vinci.

Il tweet, che diceva “ho appena impostato il mio twttr”, è stato pubblicato per la prima volta il 21 marzo 2006 ed è stato pagato dal manager malese Sina Estavi, amministratore delegato della società tecnologica Bridge Oracle, con ether, una criptovaluta rivale dei bitcoin.

Ma com’è possibile “comprare” un tweet? Secondo la BBC, il primo cinguettio di Dorsey, che ha annunciato l’intenzione di convertire i proventi in bitcoin per donarli all’Africa Covid-19 Response Fund dell’ong Give Directly, è stato venduto come un token non-fungibile (NFT), ossia un certificato digitale che dimostra il proprietario di una foto, un video o un’altra forma di contenuti online. Ciascun NFT è unico e funge da oggetto da collezione che non può essere duplicato.

Il primo tweet della storia era stato messo all’asta sulla piattaforma digitale Valuables, di proprietà della società statunitense Cent, che tratterà il 5 per cento dei proventi della vendita. Il cinguettio di Dorsey resterà comunque visibile a tutti su Twitter, mentre Estavi riceverà un certificato, firmato digitalmente e autorizzato dal fondatore del colosso tecnologico insieme ai metadati del tweet originale.

“Questo non è solo un tweet!”, ha sottolineato Estavi sul proprio profilo Twitter. “Penso che tra alcuni anni le persone realizzeranno il vero valore di questo tweet, come il dipinto della Gioconda”.

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Un cloud europeo alternativo a quello delle Big Tech: intervista all’italiano che ci sta lavorando
Tecnologia / Soldo: la piattaforma smart per l’automazione dello spend management in azienda
Tecnologia / Instagram Business: strategie, approcci ed errori da evitare nel libro di Giò Fumagalli
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Un cloud europeo alternativo a quello delle Big Tech: intervista all’italiano che ci sta lavorando
Tecnologia / Soldo: la piattaforma smart per l’automazione dello spend management in azienda
Tecnologia / Instagram Business: strategie, approcci ed errori da evitare nel libro di Giò Fumagalli
Tecnologia / WhatsApp, arrivano i sondaggi: ecco come funziona
Economia / Twitter, l’aut aut di Musk ai dipendenti: “Lavorate duro o siete licenziati”
Tecnologia / Altro che password sicure, ecco quali sono quelle più utilizzate nel mondo e in Italia: la sorprendente classifica
Cronaca / Artemis, lanciato il razzo Nasa: primo passo per il ritorno sulla Luna
Economia / La manager di Twitter che dorme in ufficio è sopravvissuta ai licenziamenti
Tecnologia / Twitter fuori controllo dopo le decisioni di Musk: anche Gesù Cristo ha la spunta blu
Tecnologia / Philip Morris International presenta in Italia il nuovo IQOS ILUMA: la rivoluzione nel mondo IQOS