Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Tecnologia

Tre contenuti fondamentali in un progetto e-learning

Immagine di copertina

Negli ultimi anni la modalità e-learning, complice l’accelerazione sul versante tecnologico registrata negli ultimi anni,ha trovato terreno fertile in diversi contesti: dalle aziende interessate a migliorare le competenze dei propri impiegati, fino aiprofessionisti in cerca di aggiornamenti passando per gli studenti impegnati con la didattica a distanza.

Questa particolare modalità di formazione ha almeno due punti di forza: non prevede la compresenza ed è estremamente flessibile.Può quindi essere sfruttata per venire incontro alle diverse esigenze degli utenti, che possono seguire le lezioni quando – in caso la lezione sia registrata – e dove preferiscono.

Per sfruttare al meglio le potenzialità di un progetto formativo di questo tipo è necessario un buon , fondamentale per la corretta riuscita dell’attività.

I tre contenuti fondamentali in un progetto e-learning

Al di là dell’infrastruttura tecnica, aspetto da non trascurare è il contenuto,
per il quale è possibile individuare tre famiglie che rispondono a diverse esigenze:

1. contenuti live, che richiedono una grande capacità di improvvisazione e che lasciano meno spazio agli errori. In questo caso diventa fondamentale non solo una profonda conoscenza del topic, ma anche una buona capacità di intrattenere e di coinvolgere il pubblico. Si tratta del formato più simile a quello tradizionale del seminario, visto che prevede che il contenuto sia diffuso in diretta; non è raro, comunque, che i live vengano registrati e poi riproposti in altre occasioni come contenuto di tipo premium;

2. Il contenuto registrato, che esprime pienamente le potenzialità del webinar. Questi contenuti sono strutturati ancora prima che il corso venga messo a disposizione del pubblico:si tratta diapprofondimenti corredati da esercizi, dispense e spesso anche di simulazioni pratiche. Possono far parte di questa categoria anche le lezioni a supporto della didattica tradizionale;

3. Infine ci sono i contenuti aperti. Questi ultimi partono da un semplice spunto che è possibile sviluppare nelle più diverse direzioni, seguendo pratiche come il brain storming, lo storyboarding, il word banking e così via. Si tratta dunque di attività che consentono di attivare e stimolare processi creativi, mettendo a confronto le idee e le esperienze dei partecipanti. Sebbene i contenuti aperti siano applicabili in molteplici casi, sono molto validi all’interno delle realtà aziendali. Questo perché consentono di migliorare la comunicazione e valorizzare il lavoro cross team, permettendo a comparti diversi di avere una visione complessa e più profonda di un determinato progetto.

Concludendo, un buon progetto e-learning deve essere supportato da un lato da una buona infrastruttura – software, rete ma anche strumenti come computer, videocamera e microfono – e dall’altro deve poter fare affidamento su contenuti live, registrati o aperti e combinarli secondo le esigenze didattiche o di business.

Ti potrebbe interessare
Costume / Le diverse generazioni e il digitale: come si comportano?
Tecnologia / Su Twitter arriva “Fuorviante”: l’etichetta contro le fake news sul Covid
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Ti potrebbe interessare
Costume / Le diverse generazioni e il digitale: come si comportano?
Tecnologia / Su Twitter arriva “Fuorviante”: l’etichetta contro le fake news sul Covid
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Tecnologia / “Ecco i loro trucchi per comprarsi tutto”: come funziona la lobby di Big Tech
Tecnologia / Cybersecurity, le 6 regole degli esperti anti-ransomware per il 2022
Tecnologia / Cloud, l’Ue lancia la controffensiva alle Big Tech Usa ma l’Italia non ha una strategia chiara
Tecnologia / Una sonda della Nasa ha toccato il sole per la prima volta
Tecnologia / Dal Riconoscimento facciale alla sorveglianza di massa: ecco come siamo spiati dall’algoritmo
Tecnologia / Digital Revolution, Tutela della Privacy e Influencer Marketing: i trend del 2021