Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Tecnologia

Se l’addetto alla selezione del personale è l’algoritmo di una app

Immagine di copertina

Un'azienda ha sviluppato un'app che, in un'intervista di mezz'ora, è in grado di raccogliere fino a 500 mila dati diversi

Se l’addetto alla selezione del personale è l’algoritmo di una app

Le nuove frontiere dell’intelligenza artificiale sono infinite. Negli Stati Uniti, per esempio, spesso ormai a fare la selezione del personale è un algoritmo. È quello che accade in più di 100 aziende, tra cui diverse multinazionali, dove i manager hanno stabilito che dev’essere un’app a decidere se la persona che si ha davanti è il candidato ideale oppure no.

A sviluppare l’app è stata l’azienda HireVue. La tecnologia si basa sull’analisi di parametri come i movimenti facciali, la voce o le parole utilizzate, il tutto setacciato da un algoritmo. In un’intervista di mezz’ora il sistema può arrivare a raccogliere fino a 500 mila dati diversi da elaborare.

In ogni caso, l’uso della app è talmente pervasivo che oltre un milione di candidati è stato già vagliato da grandi aziende come Unilever, Hilton o Goldman Sachs. Non solo: in alcune università si sta già insegnando agli studenti come impostare aspetto fisico e tono della voce per ottenere un maggiore punteggio di ‘assumibilità’.

Secondo quanto rivela il Washington Post, gli esperti però sono scettici: dietro al software non ci sarebbe alcun fondamento scientifico. Il software, commenta Meredith Witthaker, cofondatrice dell’AI Now Institute, un centro ricerche sull’intelligenza artificiale di New York, potrebbe però dare luogo a discriminazioni.

“È profondamente disturbante che ci sia una tecnologia privata che affermi di riuscire a differenziare tra un lavoratore produttivo e uno non adatto sulla base dei movimenti facciali, del tono della voce o sulle maniere – afferma -. È pseudoscienza. È una autorizzazione a discriminare. E le persone la cui vita e le cui opportunità dipendono letteralmente da questi sistemi non hanno nessuna possibilità di uscita”.

L’azienda ovviamente ha rigettato le accuse. “Queste critiche si basano su una scarsa informazione – ha dichiarato un portavoce di HireVue -, e la maggior parte dei ricercatori nel campo dell’intelligenza artificiale ha una comprensione limitata della psicologia dietro a come un lavoratore si comporta”.

Chissà se, in futuro, varrà ancora la regola del presentarsi ai colloqui in giacca e cravatta o se bisognerà riscrivere daccapo le regole per evitare il tanto temuto e odiato “Le faremo sapere”.

Facebook, ecco come il social network si impegna per proteggere le elezioni Usa 2020 da interferenze

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Easy Mobility e la partnership con Too Good To Go: le nuove iniziative di Edenred Italia
Tecnologia / Nuove accuse a Facebook: “Approva pubblicità di gioco d’azzardo, alcolici e diete estreme ai minorenni”
Tecnologia / L’ultimo aggiornamento iOS 14.5 di Apple ci obbliga a decidere se continuare a farci “tracciare” dalle app o meno
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Easy Mobility e la partnership con Too Good To Go: le nuove iniziative di Edenred Italia
Tecnologia / Nuove accuse a Facebook: “Approva pubblicità di gioco d’azzardo, alcolici e diete estreme ai minorenni”
Tecnologia / L’ultimo aggiornamento iOS 14.5 di Apple ci obbliga a decidere se continuare a farci “tracciare” dalle app o meno
Tecnologia / In Argentina un 30enne è diventato proprietario del dominio di Google pagando meno di 3 euro
Costume / Note audio troppo lunghe: la soluzione (geniale) di WhatsApp per i messaggi vocali
Costume / WhatsApp Pink, la versione rosa dell’app è una truffa
Tecnologia / Hacker rubano progetti di nuovi prodotti alla Apple e chiedono il riscatto: “Dateci 50 milioni di dollari”
Tecnologia / “Vivere con l’Intelligenza Artificiale”, un nuovo libro su costi e opportunità della rivoluzione tecnologica
Tecnologia / Nasce OsintItalia, l’associazione che usa l’Open source per fini solidali
Tecnologia / “Netflix gratis sul tuo smartphone?”: scovato un virus che si diffonde via WhatsApp