Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Tecnologia

Lo YouTuber più ricco del mondo? Ha 8 anni, recensisce giocattoli e nel 2019 ha guadagnato 26 milioni di dollari

Immagine di copertina

Lo YouTuber più ricco del mondo? Ha 8 anni, recensisce giocattoli e nel 2019 ha guadagnato 26 milioni di dollari

Per arricchirsi sul web bisogna per forza essere una fashion blogger? O avere la maggiore età? In effetti sembra proprio di no. Ryan Kaji nel 2019 ha guadagnato ben 26 milioni di dollari ed è un bambino di soli otto anni. “Professione”? Youtuber. E sì, è il videoblogger più ricco del mondo.

Il suo “business” sono le recensioni dei giocattoli che Ryan fa in video quotidiani che, giorno dopo giorno, hanno fatto guadagnare davvero una fortuna al piccolo titolare del canale YouTube “Ryan’s World”. A guardare i suoi video – o meglio a “seguirlo”, come si dice in questi casi – sono 22,9 milioni di abbonati, i quali costituiscono la fan base del bambino, mentre ogni giorno altre migliaia di persone guardano i suoi video-commenti anche senza l’abbonamento.

A stilare la classifica dei guadagni degli YouTuber è Forbes, che ha dunque posizionato il piccolo Ryan Kaji sul gradino più alto del podio per quanto riguarda i guadagni generati tramite questi video condivisi sulla celeberrima piattaforma web. Tale classifica è stilata sulla base dei guadagni lordi di sponsor, pubblicità sui video, vendite di prodotti e tour promozionali. Ryan, peraltro, quest’anno chiude il suo “bilancio” in positivo, visto che rispetto allo scorso anno ha guadagnato anche quattro milioni in più.

Ad ogni modo le cose stanno per cambiare in questo piccolo grande universo per internauti: YouTube, infatti, ha annunciato che, a partire dal prossimo anno, ci sarà uno stop sulle campagne pubblicitarie personalizzate su contenuti i cui protagonisti sono dei bambini. Google ha d’altronde dovuto pagare 170 milioni di dollari per chiudere una causa contro YouTube, visto che la piattaforma, controllata dal grande G,  aveva chiuso un accordo con la Federal Trade Commission (Ftc) statunitense dopo essere stata accusata di aver riempito di pubblicità quei video guardati dai più piccoli.

Leggi anche:
Le star di Youtube hanno meno di 8 anni e guadagnano quasi 30 milioni di dollari all’anno: la classifica di Forbes
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Blocco condivisione password di Netflix: ecco come funzionerà
Tecnologia / Zero emissioni: la sfida di Toyota per una mobilità sempre più sostenibile
Tecnologia / “Facebook consuma più batteria del necessario degli smartphone”: data analyst licenziato da Meta
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Blocco condivisione password di Netflix: ecco come funzionerà
Tecnologia / Zero emissioni: la sfida di Toyota per una mobilità sempre più sostenibile
Tecnologia / “Facebook consuma più batteria del necessario degli smartphone”: data analyst licenziato da Meta
Tecnologia / Libero Mail e Virgilio down: la posta elettronica non funziona, perché, motivo, cosa succede
Tecnologia / Dopo Amazon e Google anche Spotify annuncia tagli sul personale
Cultura / Perché scegliere un’università telematica? Ecco tutte le ragioni
Tecnologia / Twitter down: problemi di accesso per ore in tutto il mondo
Tecnologia / Cercasi ghostwriter per OnlyFans: così gli autori vengono reclutati sul web per chattare al posto delle star
Tecnologia / Poste down oggi 15 dicembre 2022: l’app e il sito PostePay e Bancoposta non funzionano
Tecnologia / Twitter, ecco il nuovo abbonamento. Gli utenti Apple pagheranno di più