Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Tecnologia

Messenger Kids, il “bug” e il pericolo pedofilia: un errore tecnico espone i baby utenti a molti rischi

Immagine di copertina

La lettera di Facebook ai genitori

Messenger Kids, il “bug” e il pericolo pedofilia

Messenger Kids, il “bug” e il pericolo pedofilia: un errore tecnico espone i baby utenti a molti rischi. Una specie di vicolo cieco dell’algoritmo, in pratica, permetteva agli adulti, anche estranei, di contattare i baby-utenti senza alcun filtro. Esponendoli anche al pericolo di finire nelle grinfie dei pedofili sul web.

La notizia è stata svelata dal sito dedicato a Media e tecnologia The Verge che è riuscito anche ad entrare in possesso del messaggio di allerta che Facebook ha inviato ai genitori.

“Ciao [nome del genitore], abbiamo riscontrato un errore tecnico che ha permesso all’amico [nome dell’amico] di [nome del bambino] di creare una chat di gruppo con [nome del bambino] e uno o più amici approvati dai genitori di[nome dell’amico]. Vogliamo che tu sappia che abbiamo disattivato questa chat di gruppo e che ci stiamo assicurando che le chat di gruppo come questa non siano consentite in futuro”.

Scopo della App di Facebook, lanciata nel 2017 e pensata per i ragazzi dai 13 anni, era quello di non mettere a contatto i più piccoli con utenti non approvati dai genitori. Il fine principale era garantire il massimo della sicurezza.

Messenger Kids avrebbe dovuto ridurre al minimo i rischi di incorrere in sconosciuti nelle chat. Era stata presentata prima di tutto come strumento di comunicazione ideale per la famiglia, tra figli e genitori o tra nipoti e nonni.

Non include pubblicità e non dà la possibilità di fare acquisti ai giovanissimi utenti.

Come aggiravano il vincolo

Un bug, un errore tecnico, però, permetteva di aggirare il vincolo di non riuscire a contattare i baby-utenti a meno di non essere approvati dai genitori: bastava inserire i più piccoli in un gruppo con altri partecipanti.

Non è chiaro per quanto tempo il bug sia stato presente nell’applicazione e se sia stato risolto o meno. Su questo i genitori chiedono a Facebook maggiore trasparenza.

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Instagram, messaggi neri e oscurati: il bug in corso per molti utenti
Tecnologia / Alla conquista di Marte: come si vive sul Pianeta B che Elon Musk vuole colonizzare per il bene dell’umanità
Tecnologia / Capitalismo spaziale: l’impero dei satelliti di Elon Musk
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Instagram, messaggi neri e oscurati: il bug in corso per molti utenti
Tecnologia / Alla conquista di Marte: come si vive sul Pianeta B che Elon Musk vuole colonizzare per il bene dell’umanità
Tecnologia / Capitalismo spaziale: l’impero dei satelliti di Elon Musk
Tecnologia / L’elefante nella stanza: perché con Elon Musk Twitter vira a destra
Tecnologia / L’universo secondo Elon Musk: ecco chi è e come immagina il futuro l’uomo più ricco del mondo
Tecnologia / Whatsapp addio ad alcuni iPhone: dal 24 ottobre non sarà più disponibile su alcuni modelli
Tecnologia / Vite in vendita: nel Metaverso bisognerà pagare per esistere
Tecnologia / Attacco hacker a siti Italia, anche Difesa e Senato. Rivendicato dal collettivo russo Killnet
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Tecnologia / Bonus Internet: 300 euro alle famiglie (senza Isee). Cos’è e come funziona