Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Tecnologia

Big Tech vs Stato: lo strapotere di Amazon, Facebook & co. e la nuova sfida geopolitica globale

Immagine di copertina
Credit: Emanuele Fucecchi/ TPI

Per quasi 400 anni gli Stati hanno avuto il ruolo di protagonisti della politica mondiale. Oggi invece Amazon, Apple, Facebook e altri colossi del web controllano aspetti della società, dell’economia e della sicurezza nazionale un tempo appannaggio esclusivo dei governi. Così competono per una maggiore influenza sugli affari globali, mentre l’Europa non è all’altezza e resta a guardare. Sul nuovo numero del settimanale di TPI l’analisi del politologo americano Ian Bremmer

Dopo l’assalto al Campidoglio del 6 gennaio scorso alcune delle più potenti istituzioni degli Stati Uniti sono intervenute per punire i promotori dell’insurrezione. Ma non stiamo parlando delle istituzioni che vi sareste aspettati. Facebook e Twitter hanno sospeso gli account dell’allora presidente uscente Donald Trump per i suoi post di sostegno ai rivoltosi, mentre Amazon, Apple e Google hanno bloccato Parler, il social alternativo a Twitter usato dai sostenitori di Trump per fomentare e coordinare l’attacco. Le principali applicazioni di servizi finanziari, come PayPal e Stripe, hanno interrotto i pagamenti per la campagna dell’allora presidente uscente e per gli account che avevano finanziato il viaggio a Washington degli assalitori. La velocità di reazione di queste aziende tecnologiche è in netto contrasto con la debole risposta delle istituzioni governative americane. Il Congresso non ha ancora condannato Trump per il ruolo che ha avuto nell’assalto a Capitol Hill e gli sforzi per istituire una commissione bipartisan in stile 11 Settembre sono falliti per l’opposizione repubblicana. Le forze dell’ordine hanno arrestato qualche rivoltoso, ma in molti casi solo grazie agli indizi lasciati sui social dai partecipanti all’assalto. Per quasi 400 anni gli Stati hanno avuto il ruolo di protagonisti assoluti della politica mondiale. Oggi, invece, una manciata di Big Tech si contende l’influenza sugli affari globali. Le conseguenze….
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Metaverso, venduto uno yacht virtuale per 650mila dollari
Tecnologia / Aumentano i clienti Fastweb mobile: tutte le informazioni sull’operatore
Tecnologia / Scontrino elettronico e fatture elettroniche dal tuo E-commerce: Gestisco Italia l’ha reso possibile!
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Metaverso, venduto uno yacht virtuale per 650mila dollari
Tecnologia / Aumentano i clienti Fastweb mobile: tutte le informazioni sull’operatore
Tecnologia / Scontrino elettronico e fatture elettroniche dal tuo E-commerce: Gestisco Italia l’ha reso possibile!
Tecnologia / Cloud senza regole (per i giganti del web)
Tecnologia / Il futuro incerto dell’intelligenza artificiale
Tecnologia / “Hey Facebook, ho creato il Metaverso nel 1994: era terribile. Ma oggi è peggio”
Economia / Digital marketing: aumentare vendite e fatturato grazie all’online
Tecnologia / Tegola per Zuckerberg, una piccola azienda di pc ha già registrato il marchio Meta: “Dateci $20 milioni”
Tecnologia / Con Cloud, 5G e IOT (uniti allo smartworking) cybersicurezza a rischio
Tecnologia / People not avatars: affermarsi come esseri umani per vivere nella tecnologia