Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Tecnologia

Sulla Luna ci sarà il 4G

Immagine di copertina

La Nasa ha scelto Nokia per realizzare la rete di comunicazione lunare in 4G

Parametri vitali degli astronauti, funzioni di comando e controllo dei rover lunari, navigazione in tempo reale e ovviamente streaming video in alta definizione. Sono decine le applicazioni che necessitano un efficiente scambio di dati quando l’obiettivo è stabilire una presenza umana a lungo termine sulla Luna. È per questo motivo che la Nasa ha deciso di investire 14 milioni di dollari per portare – grazie al Nokia Bell Labs – la tecnologia 4G LTE sulla Luna.

Sfida tutt’altro che semplice. Nokia non solo dovrà fornire una tecnologia in grado di resistere al lancio e alle condizioni proibitive che il dispositivo dovrà affrontare una volta allunato ma dovrà produrre un dispositivo estremamente compatto. Il 4G per la Luna sarà un sistema completamente integrato in grado di soddisfare i vincoli molto sfidanti per i carichi utili spaziali in quanto a dimensioni, peso e potenza. Dal punto di vista tecnico la rete 4G lunare di Nokia sarà costituita da una stazione base LTE con funzionalità EPC (ossia in grado di unificare voce e dati su un’architettura di servizio IP), apparecchiature di ricezione LTE, antenne RF e software di controllo per le operazioni di manutenzione ad alta affidabilità.

Non è un caso che Nasa e Nokia abbiano scelto la tecnologia LTE, la stessa tecnologia che, negli ultimi anni, si è imposta come uno degli standard per le comunicazioni commerciali, disponendo di un ampio ecosistema di fornitori di componenti e un’ampia distribuzione globale. La NASA prevede di sfruttare queste innovazioni per il programma Artemis con l’obiettivo di far sbarcare “la prima donna e il prossimo uomo” sulla Luna, in particolare nella regione del polo sud lunare, entro il 2024.

Leggi anche: L’Italia sulla Luna: firmato con la Nasa l’accordo storico sull’esplorazione spaziale. È il primo Paese europeo
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Un cloud europeo alternativo a quello delle Big Tech: intervista all’italiano che ci sta lavorando
Tecnologia / Soldo: la piattaforma smart per l’automazione dello spend management in azienda
Tecnologia / Instagram Business: strategie, approcci ed errori da evitare nel libro di Giò Fumagalli
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Un cloud europeo alternativo a quello delle Big Tech: intervista all’italiano che ci sta lavorando
Tecnologia / Soldo: la piattaforma smart per l’automazione dello spend management in azienda
Tecnologia / Instagram Business: strategie, approcci ed errori da evitare nel libro di Giò Fumagalli
Tecnologia / WhatsApp, arrivano i sondaggi: ecco come funziona
Economia / Twitter, l’aut aut di Musk ai dipendenti: “Lavorate duro o siete licenziati”
Tecnologia / Altro che password sicure, ecco quali sono quelle più utilizzate nel mondo e in Italia: la sorprendente classifica
Cronaca / Artemis, lanciato il razzo Nasa: primo passo per il ritorno sulla Luna
Economia / La manager di Twitter che dorme in ufficio è sopravvissuta ai licenziamenti
Tecnologia / Twitter fuori controllo dopo le decisioni di Musk: anche Gesù Cristo ha la spunta blu
Tecnologia / Philip Morris International presenta in Italia il nuovo IQOS ILUMA: la rivoluzione nel mondo IQOS