Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Vuelta 2022: Soler rompe il digiuno, Molard prende la Roja

Immagine di copertina

Lo spagnolo Marc Soler (UAE Team Emirates) ha vinto la quinta tappa della 77ma Vuelta Espana, lungo i 187 chilometri, tutti in terra basca, da Irun a Bilbao. La vittoria del corridore emiratino pone fine ad un digiuno iberico di 668 giorni e 121 tappe nei grandi giri. Alle spalle del vincitore, staccato di quattro secondi, si è piazzato il sudafricano Daryl Impey (Israel Premiertech) che ha preceduto il britannico Alfred Wright (Bahrain Victorious). Il francese Rudy Molard (Groupama FDJ) ha conquistato la maglia roja che ha così trovatoil quinto proprietario in altrettante tappe. Il transalpino, che già aveva guidato la corsa spagnola per quattro giorni nel 2018, guida la classifica generale con due secondi di margine su Wright con il tedesco Nikias Arndt (Team DSM) terzoa 1’09”. Primoz Roglic (Jumbo Visma), giunto con il gruppo staccato di 5’09”, è sceso in graduatoria al quinto posto a 4’09” da Molard.

La tappa odierna è vissuta su una mega fuga di 18 corridori che, soprattutto nella seconda parte della frazione, ha preso il largo grazie alla decisione della Jumbo Visma di mollare la maglia roja. Tra i fuggitivi, oltre ai corridori già menzionati, è da segnalare la presenza di Fausto Masnada (Quick Step Alpha Vinyl), giunto undecimo al traguardo. È il primo squillo del bergamasco in una stagione disgraziata in cui c’erano grandi aspettative dopo la sua grande prova al Giro di Lombardia, perso allo sprint da Tadej Pogacar (UAE Team Emirates).

Domani la corsa entra nel vivo con la sesta tappa che presenta il primo arrivo in salita di questa edizione della Vuelta. Da Bilbao, attraverso 181 chilometri, si arriverà in vetta all’ Ascension al Pico de Jano. Sarà interessante vedere l’atteggiamento di Roglic e dei suoi potenziali avversari per il successo finale.

Ti potrebbe interessare
Sport / Tour de France 2024: la riluttante vittoria di Tadej Pogacar
Sport / Tour de France 2024, 19esima tappa: voilà Tadej, Le Roi
Sport / Tour de France, 18esima tappa: Campenaerts si aggiudica l’ultimo scampolo di libertà
Ti potrebbe interessare
Sport / Tour de France 2024: la riluttante vittoria di Tadej Pogacar
Sport / Tour de France 2024, 19esima tappa: voilà Tadej, Le Roi
Sport / Tour de France, 18esima tappa: Campenaerts si aggiudica l’ultimo scampolo di libertà
Sport / Tour de France 2024, 17esima tappa: El Diablito completa il tris, Remco vede il secondo posto
Calcio / Il Comune di Udine nega il patrocinio alla partita Italia-Israele: “Sarebbe divisivo”
Sport / Tour de France 2024, 16esima tappa: Philipsen pareggia il conto e riapre la lotta per la maglia verde
Sport / Malagò a TPI: “Bochicchio? Era un incantatore di serpenti e io non sono stato un serpente”
Sport / Malagò a TPI: “Tregua olimpica? La speranza è l’ultima a morire ma finora i leader mondiali non hanno cavato un ragno dal buco”
Sport / Malagò a TPI: “Solo in Italia costruire stadi è un calvario. Gualtieri? È serio, oggi è percepito meglio di prima”
Sport / Malagò a TPI: “Soldi a un senatore da uno Stato straniero? Io non lo farei”