Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Totti: “Quando Cassano perse l’assegno dello stipendio e accusò la mia domestica”

Immagine di copertina

L’ex capitano della Roma, ora dirigente, Francesco Totti – in vista dell’uscita della sua autobiografia – ha concesso un’intervista a Venerdì di Repubblica.

Tanti i temi trattati: dal nuovo ruolo in società, cuscinetto tra squadra e società (“i giocatori sono bestie, sono bastardi, ma mi portano rispetto. Io ero come loro, li conosco bene”), agli aneddoti su Cassano, suo ex compagno di squadra.

“Quando andavamo a cena al ristorante con 8 o 10 persone e lui (Cassano, ndr) stava a un altro tavolo, ti alzavi e lui aveva già pagato. Pagava per persone che non conosceva perché c’ero io… Una volta, due, tre… poi mi sono alzato e gli ho detto: “Senti, così non mi sta bene…”. Ma non lo faceva per chissà cosa… E’ fatto così, di indole è così… Adesso meno perché la moglie lo mena…”.

Poi ancora: “Una volta gli era sparito l’assegno dello stipendio e s’era messo in testa che a rubarglielo era stata la nostra domestica, una che stava con noi da anni. Per lei avremmo messo le mani sul fuoco – le parole di Totti -. In più era un assegno intestato ad Antonio e non poteva essere incassato da altri. Provammo a convincerlo, ma niente. Se ne andò. Qualche giorno dopo l’assegno fu ritrovato sotto il sedile della sua macchina”.

Il rapporto tra i due qualche tempo dopo si interruppe, ma ora “anche se lui sta a Genova, negli ultimi tempi abbiamo ripreso a vederci”.

Mario Balotelli e quel calcione sotto la Curva Sud durante la finale di Coppa Italia: “Quello arrivò dopo un crescendo. Erano anni che lui provocava, insultava me e i romani. Un continuo. Alla fine la cosa è esplosa”.

“Fu un fallo orrendo, per fargli male – ha poi aggiunto -. Ma dopo, stranamente, i giocatori dell’Inter non mi assalirono. Mentre uscivo dal campo per l’espulsione, Maicon mi diede addirittura il cinque. La sensazione era che anche tra i suoi compagni interisti Balottelli creasse qualche irritazione”.

Sulla convocazione in Nazionale di SuperMario ha poi detto: “Adesso è migliorato. Mancini ha fatto bene a riprenderlo. Il talento c’è però tutto dipende dalla testa”.

Francesco ora fa il dirigente a contatto con la squadra: “Conosco il linguaggio segreto fatto di occhiate, mezze parole. E cerco di rendermi utile. Adesso si parla quasi solo inglese. Se non lo sai non capisci un cazzo e si fa meno gruppo. In ritiro, rientrato dal campo, ognuno si isola in camera sua con il telefonino. A navigare, a mandare messaggi”.

L’ex capitano della Roma ha poi raccontato qualche aneddoto sul rapporto con i tifosi avversari, in particolare quelli della Lazio: “Se incollavo le figurine dei giocatori laziali a testa in giù? Vero, uniche di tutto l’album. Ci può sempre essere il cretino che insulta o fa la battutaccia, ma quando li incontro per strada, la maggior parte dei laziali sono sportivi, mi fanno i complimenti. E anche quelli delle altre tifoserie… E pensare che quando giocavo me facevano a pezzi… San Siro? Olimpico a parte, è il mio stadio preferito”.

Poi una battuta su Fabio Capello, suo ex allenatore con cui ha vinto lo scudetto nel 2001: “Quando parli con Capello hai sempre torto. Sa tanto, ma l’ultima parola deve essere sempre la sua. Se passa un piccione e lui dice che è un gabbiano, ti dimostrerà che è un gabbiano. E’ cocciuto, perfezionista. Un maniaco”.

Infine un pensiero su Spalletti, suo ultimo allenatore con cui il rapporto si è inclinato poco prima dell’addio al calcio del capitano giallorosso: “E’ quello che ha spinto di più per farmi smettere. Con la società erano una cosa sola”.

 

Ti potrebbe interessare
Sport / Anche a Spalletti dispiace per Francesco e Ilary: “Non me l’aspettavo”
Sport / Tour de France 2022: non c’è più marcio in Danimarca
Sport / Tour de France 2022: l’apoteosi dei vesponi
Ti potrebbe interessare
Sport / Anche a Spalletti dispiace per Francesco e Ilary: “Non me l’aspettavo”
Sport / Tour de France 2022: non c’è più marcio in Danimarca
Sport / Tour de France 2022: l’apoteosi dei vesponi
Sport / Tour de France 2022: Laporte salva l’onore della Francia
Sport / Tour de France 2022: L’Hautacam consacra Vingegaard
Sport / Ciclismo, Vingegaard mette le mani sul Tour de France
Sport / Tour de France 2022: ai canadesi piacciono i Pirenei
Sport / Italia Belgio streaming e diretta tv: dove vedere la partita degli Europei di calcio femminile
Cronaca / Controllo al calciatore del Milan Bakayoko: polizia accusata di razzismo. Il video virale
Sport / Tour de France 2022: soffrono i Vesponi, vincono i Capelloni