Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport » Mondiali 2018

In Russia mostrare la bandiera arcobaleno può costare il carcere, ma questi attivisti hanno trovato il modo di aggirare il divieto durante i Mondiali 2018

Immagine di copertina
The Hidden Flag

Sei attivisti hanno organizzato un'originale forma di protesta contro i soprusi nei confronti delle persone Lgbt in Russia, usando le maglie delle loro nazionali di calcio

Sei attivisti hanno organizzato una forma originale di protesta contro i soprusi nei confronti delle persone Lgbt in Russia. I membri della campagna The Hidden Flag hanno indossato ciascuno la maglia della sua nazionale ai Mondiali 2018 e si sono messi in fila per comporre la bandiera arcobaleno.

La Russia è uno dei paesi più omofobi al mondo, e mostrare i simboli della comunità Lgbtq è proibito. Tra questi simboli c’è la bandiera arcobaleno, ideata da Gilbert Baker nel 1978. Mostrarla in pubblico, in Russia, può valere una condanna al carcere, perché questo simbolo è classificato come “propaganda gay”.

Ciononostante, sei attivisti di sei paesi diversi hanno trovato il modo di rendere la bandiera dei diritti Lgbtq visibile durante i mondiali in Russia.

Per questo, hanno indossato le maglie delle nazionali di Spagna, Olanda, Brasile, Messico, Argentina e Colombia, e sono stati in giro per la Russia festeggiando sia la Coppa del Mondo sia il mese dedicato all’orgoglio Lgbtq, contro la politica omofoba del governo russo.

Qui sotto il video della campagna Hidden Flag:

Gli attivisti sono Marta Márquez, Eric Houter, Eloi Pierozan Junior, Guillermo León, Vanesa Paola Ferrario, and Mateo Fernández Gómez.

Ecco alcune delle loro foto, condivise dagli utenti su Twitter con l’hashtag TheHiddenFlag:

Nel 2013 in Russia è stata approvata una legge allo scopo di proteggere i valori della famiglia tradizionale dalla “propaganda gay”. La comunità Lgbtq in Russia è osteggiata causa dell’atteggiamento poco favorevole da parte del governo e della società russa.

Leggi anche: Cosa vuol dire essere giovani e gay in Russia oggi

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”