Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Coronavirus, Boccia: “Chiusi tutti gli impianti di sci del Paese”

Immagine di copertina

Coronavirus, chiusi tutti gli impianti di sci in Italia

“Chiusi da domani tutti gli impianti di sci del territorio italiano”. Ad annunciarlo è stato il ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia durante la conferenza stampa dalla sede della Protezione Civile a Roma. Boccia ha sottolineato che c’è pieno accordo, in merito a questa decisione, da parte di tutti i presidenti delle Regioni e delle Province autonome, oltre che di Anci e Upi, che hanno costituito un tavolo permanente che si riunisce ogni giorno – attraverso collegamenti video – nella sede del Dipartimento della Protezione civile. Boccia ha anche stigmatizzato la speculazione fatta da alcuni gestori di impianti sciistici, citando in particolare l’area dell’Abetone.

Il caso Abetone

Una decisione, quella del Governo di chiudere gli impianti, maturata per contenere il virus ma anche in risposta alla campagna del consorzio Abetone Multipass che nei giorni scorsi ha proposto il giornaliero a un euro per gli studenti dal 9 al 15 marzo che tante polemiche ha generato nelle ultime ore vista la richiesta del Governo di restare a casa ed evitare assembramenti.

Il sindaco Diego Petrucci ha scritto su Facebook: “Sono giorni che lo ripeto, prendendomi anche sonore critiche da più parti… Questa situazione difficile può essere gestita solo con la responsabilità e il buon senso di ognuno di noi e responsabilità e buon senso significa evitare qualsiasi incontro che non sia assolutamente indispensabile – le sue parole domenica, prima dell’intervento del Governo -. Significa rinunciare all’aperitivo, alla festa, al pub e anche ad ammassarsi a sciare. A questo proposito voglio chiarire che tutti gli impianti di risalita sono gestiti da società private al pari di bar, ristoranti, negozi e quant’altro e sempre a questo proposito – da più parti sollecitato – tengo a precisare che la campagna promossa che inizierebbe da domani è di una società privata, mai comunicata al Comune e da me non condivisa e che ho chiesto di annullare immediatamente”.

“Tale campagna promozionale, come detto, inizierà da domani (lunedì, ndr) e quindi è indipendente con il super afflusso che si è avuto oggi sulle piste, quello rientra – come dicevo all’inizio – nel senso di responsabilità di ognuno – prosegue il sindaco – Gli esercenti della montagna – compresi gli impianti di risalita – nella giornata di oggi si sono limitati a fare quello che facevano ieri e quello che viene fatto nel resto della Regione, sono stati aperti. Il mio invito – lo ribadisco ancora – è quello di stare a casa, di non esporre se stessi ed i propri affetti a problematicità che sono ormai chiare a tutti, ma di fronte a questo non c’è decreto o norma più efficace del nostro senso di responsabilità. Io da parte mia provo a stare in casa il più possibile ed a utilizzare queste giornate per lavorare e mettermi in pari con tante cose che avevo lasciato indietro, provate a fare altrettanto! Per finire – anche su questo da più parti sollecitato- voglio chiarire che i Sindaci sono stati invitati a non prendere iniziative ordinatorie autonome che creerebbero ancora più caos di quanto già non ce ne sia! Infine sono in contatto costante con la Prefettura per capire in particolar modo come gestire i lavoratori pendolari con la Provincia di Modena, appena mi sarà comunicato qualcosa vi informerò”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass