Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Svolta storica: le calciatrici di Serie A diventeranno professioniste. Cosa cambia e quanto guadagneranno

Immagine di copertina

Dall’1 luglio 2022 il calcio femminile in Italia diventerà professionistico: si è concluso questa settimana l’iter iniziato nel 2020 con l’approvazione, da parte del Consiglio Federale della Figc, delle modifiche alle norme che regolano la disciplina, fino ad ora considerata dilettantistica. A partire dalla prossima stagione sportiva, insomma, la Serie A del calcio femminile passerà al professionismo, e le calciatrici diventeranno professioniste a tutti gli effetti, con un contratto nazionale a norma di legge.

Finalmente ci sono le norme che disciplinano l’attività e l’esercizio del professionismo del calcio femminile, è una giornata importante, dall’1 luglio inizia il percorso. Oggi siamo la prima federazione in Italia ad avviare ed attuare questo importante percorso. C’è stata qualche piccola resistenza della Lega di A che riteneva di proporre un eventuale rinvio ma poi abbiamo raggiunto un accordo perché non si poteva tornare indietro. Quando si delibera qualcosa bisogna essere coerenti”, ha sottolineato il presidente della FIGC Gabriele Gravina al termine del Consiglio federale. È la prima volta nella storia del calcio italiano: dalla nascita della Federalcio, nel lontano 1898, infatti, mai una donna aveva avuto accesso al professionismo. Con l’approvazione delle norme da parte del Consiglio Federale è nata di fatto una nuova professione: quella di calciatrice.

Nel concreto, significa che le giocatrici delle squadre di Serie A avranno contratti professionistici: i club dovranno riconoscere contributi previdenziali, versare l’Irpef e i contributi per il fondo di fine carriera. Già dalla scorsa estate le società di Serie A potevano far sottoscrivere alle calciatrici accordi che prevedessero la trasformazione in contratti professionistici, ma la decisione rimaneva nelle mani dei club. Dal primo luglio invece qualsiasi giocatrice di Serie A non avrà più contratti di tipo dilettantistico, con un salario minimo fissato sulle cifre previste per la serie C maschile, ovvero 26 mila euro lordi all’anno.

Anche se in Serie A alcune atlete guadagnano già molto di più, la vera novità riguarda il versamento dei contributi previdenziali. Fino ad oggi infatti la formula per guadagnare era un rimborso forfettario annuale diviso in 10 mensilità che non poteva superare i 30.658 euro l’anno oppure un rimborso spese e indennità di trasferta pari a 77,47 euro al giorno. Non vi era però la possibilità di accedere al fondo pensionistico, non vi erano tutele mediche né di maternità e contro gli infortuni vigeva una semplice assicurazione collettiva. D’ora in poi sui campi sportivi femminili della Serie A il gioco cambia.

Ti potrebbe interessare
Sport / Conference League, notte di scontri a Tirana: 60 tifosi fermati dalla polizia, 15 feriti
Sport / Giro d’Italia 2022: molto rumore per quasi nulla
Calcio / Scudetto Milan, strappata la medaglia a Pioli. La Lega: “Te la ridiamo noi”
Ti potrebbe interessare
Sport / Conference League, notte di scontri a Tirana: 60 tifosi fermati dalla polizia, 15 feriti
Sport / Giro d’Italia 2022: molto rumore per quasi nulla
Calcio / Scudetto Milan, strappata la medaglia a Pioli. La Lega: “Te la ridiamo noi”
Sport / Serie A, il Milan è campione d’Italia
Sport / Calcio, insulti razzisti allo steward dalla curva della Lazio
Sport / Giro d’Italia 2022, un camoscio d’Abruzzo sul Gran Paradiso
Sport / Inter Sampdoria streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Sassuolo Milan streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Spezia Napoli streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Giro d’Italia 2022, la resurrezione di Simon Yates