Covid ultime 24h
casi +11.629
deceduti +299
tamponi +216.211
terapie intensive +14

Live Non è la d’Urso: la gaffe di Selvaggia Roma: “Pancia come i bambini africani”, poi chiede scusa

La conduttrice del programma di Canale 5 riprende la sua ospite: "È da cretini"

Di Antonio Scali
Pubblicato il 3 Dic. 2019 alle 12:04
11
Immagine di copertina

Selvaggia Roma: “Ho una pancia come i bambini africani”, poi si scusa a Live Non è la d’Urso

Ospite della puntata di ieri sera, 2 dicembre 2019, di Live Non è la d’Urso, Selvaggia Roma si è scusata pubblicamente per una sua infelice uscita sui social. L’ex concorrente di Temptation Island, infatti, era stata bersagliata da molti utenti dopo che nelle settimane scorse aveva detto in una storia su Instagram: “Inizio a prenderle che mi sa che mi si è fermato il metabolismo! Ho una pancia! Avete presente i bambini africani? Ecco. Io sto facendo quella fine”.

Selvaggia Roma in quel caso faceva riferimento ad alcune compresse che voleva prendere per perdere peso. Nel corso della trasmissione di Canale 5 la donna, evidentemente mortificata, ha detto che non voleva essere razzista o offensiva verso quei bambini che ogni giorno rischiano di morire di fame: “Chiedo scusa a tutti. Me ne sono accorta il giorno dopo, di aver fatto una gaffe allucinante. Mi hanno detto di tutto, che sono una razzista, omofoba, da un estremo all’altro”.

Selvaggia ha poi proseguito: “Mio padre è tunisino quindi non è che io abbia voluto intenzionalmente dire queste cose con cattiveria. Sono state due settimane di massacro totale. Non sono una persona cattiva. Io sono stata bullizzata alle elementari e alle medie. A Roma si usa quell’espressione bruttissima quando si vuole dire che qualcuno ha la pancia gonfia. Uno può anche sbagliare, ma se capita non si può andare così contro a una persona”.

La chiosa finale è arrivata da parte di Barbara d’Urso, che ha commentato durante la puntata di Live: “Quelli che lo dicono sono cretini, anzi super cretini. L’accostamento a queste creaturelle che hanno dei problemi, muoiono di fame e per mancanza di proteine hanno la pancia così, è stato un accostamento terribile. È giusto che tu sia qui a chiedere scusa”.

11
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.