Leo Gullotta, mostra la fede in Tv: “Ho sposato l’uomo che amo da 32 anni”

La confessione durante il "faccia a faccia" con Pierluigi Diaco

Di Maria Teresa Camarda
Pubblicato il 30 Ago. 2019 alle 12:54 Aggiornato il 30 Ago. 2019 alle 14:29
0
Immagine di copertina

Leo Gullotta a 73 anni ha sposato il compagno

Leo Gullotta, età 73 anni, fieramente mostra in Tv la fede al dito: un anno fa ha sposato il compagno, l’uomo che ama da 32 anni. Da sempre molto riservato e schivo, l’attore siciliano, ha sentito di poter finalmente parlare della sua vita privata: “I diritti sono i diritti. Adesso si può chiamare finalmente normalità”. È accaduto tutto a “Io e Te”, il  programma di Pierluigi Diaco su Raiuno.

In verità, la confessione di Leo Gullotta è arrivata durante la pubblicità, poi il conduttore lo ha portato a raccontarsi anche a telecamere accese. Subito dopo la pausa, Diaco ha mostrato la fede agli spettatori. “Questo anello mi lega da due anni alla persona che amo. Durante la pubblicità Leo Gullotta mi ha mostrato lo stesso anello. Anche lui la scorsa estate si è sposato con la persona che ama, dopo 32 anni di vita insieme”, ha spiegato.

A quel punto, Gullotta non si è tirato indietro: “Sì, anch’io mi sono sposato”, ha detto. La commozione evidente, tanto che il conduttore, Diaco, si è alzato durante il “faccia a faccia” ed è andato ad abbracciarlo.

La vita privata e il compagno

Leo Gullotta, età 73 anni, come non si tira indietro di raccontare, raramente ha parlato della sua vita lontana dai riflettori. E della sua omosessualità. Nel 2016, però, all’amico Maurizio Costanzo aveva confessato di essere gay e di avere una relazione con un uomo da più di 30 anni.

Un’intervista intima, profonda, sincera, quella di “Io e te” su Raiuno. Pierluigi Diaco e Leo Gullotta hanno parlato di amore in tutte le sue sfaccettature. Compreso quello per la famiglia, originaria di Catania, città della Sicilia. L’attore, che ha conquistato anche un David di Donatello come miglior attore non protagonista per il ruolo del commissario nel film Il Camorrista di Giuseppe Tornatore, ha raccontato il dolore per la scomparsa prematura e improvvisa della sorella, avvenuta quando era ancora molto giovane. Nonostante siano passati passati molti anni, l’attore parla ancora di lei quasi con le lacrime agli occhi e dice di commuoversi ogni volta che ascolta la canzone La Vie en rose di Edith Piaf.

In Sicilia spuntano panchine “letterarie” dedicate ai grandi autori siciliani | FOTO

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.