Covid ultime 24h
casi +15.204
deceduti +467
tamponi +293.770
terapie intensive -20

Perché a Natale va sempre in onda “Una poltrona per due”

Il film, con Dan Aykroyd e Eddie Murphy, è del 1983

Di TPI
Pubblicato il 27 Dic. 2018 alle 07:15 Aggiornato il 27 Dic. 2018 alle 07:46
117
Immagine di copertina
Dan Aykroyd e Eddie Murphy in "Una poltrona per due"

Ogni anno, sul piccolo schermo, vengono proposti i film cult di Natale. Tra questi, di certo, non manca mai Una poltrona per due (Trading place il titolo originale).

Ma perché questo film, datato 1983 e diretto da John Landis, viene trasmesso sempre? Il motivo è semplice: è la storia di un’amicizia che nasce inaspettatamente proprio alla vigilia del 25 dicembre. Una poltrona per due, infatti, insegna che non è lo stato sociale a dover condizionare i legami. E che, soprattutto, è l’unione a fare la forza. Ogni sopruso, ogni sopraffazione, dunque, può essere superata attraverso la collaborazione e la fiducia.

Di che cosa parla “Una poltrona per due”?

Louis Winthorpe III (Dan Aykroyd) è un ricco agente di cambio di Filadelfia. La sua vita è perfetta tra lavoro, amici, la fidanzata Penelope e i servigi del maggiordomo di fiducia, Coleman. Billy Ray Valentine (Eddie Murphy), invece, è un senzatetto, insolente e imbroglione, che finge di essere un veterano di guerra per impietosire le persone. Ma un giorno, e precisamente il 24 dicembre, le vite dei due s’incrociano dopo un banale scontro in strada: Louis crede di essere aggredito e, spaventato, fa arrestare Billy Ray dalla polizia.

Mortimer e Randolph Duke, i datori di lavoro di Louis, assistono alla scena. E così decidono di fare una scommessa: salvano Billy e lo mettono in una posizione privilegiata, mentre a Louis, con la complicità di un corrotto funzionario del governo, Clarence Beeks, fanno perdere tutte le ricchezze accumulate negli anni. Billy, a suo agio nel nuovo ruolo, scopre di avere un talento per la finanza. Louis, convinto di essere stato incastrato da colui che ha preso il suo posto, cerca di vendicarsi.

L’unica ad aiutare Louis è Ophelia (Jamie Lee Curtis), una giovane prostituta che era stata assoldata da Beeks, e che adesso, sentendosi in parte responsabile dell’accaduto, lo prende in simpatia ospitandolo a casa sua. Intanto la disperazione spinge Louis ad azioni drastiche e patetiche.

Billy Ray, però, viene casualmente a conoscenza dell’inganno perpetrato dai fratelli. Messosi alla ricerca di Louis, ormai pronto a suicidarsi, gli racconta la verità: Mortimer e Randolph, scommettendo un dollaro, avevano rovinato la sua vita scambiandola con quella di Billy. I due, inoltre, avevano intenzione di rimandare in strada lo stesso Billy, ma senza rimettere Louis al posto di prima.

Billy e Louis, ormai insieme, decidono di vendicarsi della cattiveria dei due fratelli e allo stesso tempo di colpirli nel loro punto più debole: il denaro. Riescono, così, a mandare sul lastrico i Duke, diventando milionari loro stessi e anche Ophelia – nuova fidanzata di Billy – e Coleman, che d’ora in poi penserà soltanto a godersi la vita.

117
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.