Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Giancarlo Magalli nei guai: il presentatore a processo per diffamazione aggravata dopo la lite con Adriana Volpe | VIDEO

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 3 Apr. 2019 alle 09:24
0

Giancarlo Magalli dovrà rispondere in tribunale per diffamazione aggravata nei confronti di Adriana Volpe. Lo ha stabilito il Giudice per le indagini preliminari del tribunale di Roma.

Il motivo per cui il noto presentatore tv finirà a processo è da ricondurre a una lite in diretta tv risalente a marzo 2017 durante la trasmissione i “Fatti Vostri” in onda su Rai2.

In quella circostanza il conduttore romano diede della “rompipalle” ad Adriana Volpe che conduceva insieme a lui lo storico programma di attualità e intrattenimento della Rai.

Quel commento ai danni della collega 45enne scatenò un vespaio di polemiche e Magalli fu costretto alle scuse, non solo nei confronti della Volpe ma anche di tutte le donne “che ho sempre rispettato e che forse si sentirebbero più insultate se sapessero come fa a lavorare da 20 anni…” .

Proprio questa ultima insinuazione non ha fatto che aggravare ancora di più la posizione del conduttore e che sono state valutate dal Gip come lesive della reputazione della Volpe. Non solo, Magalli ha raccolto una valanga di critiche anche sui social perché accusato di sessismo.

Il litigio tra i due era nato per motivi futili ovvero dopo una battuta della Volpe sull’età del conduttore che però non l’aveva presa bene. Dunque nessuna archiviazione per il caso della lite Magalli – Volpe: il Gip ha disposto che il pm “entro dieci giorni disponga l’imputazione nei confronti di Magalli”. Il conduttore dunque andrà a processo.

Mezzogiorno in Famiglia vicino alla chiusura: Freccero vuole tagliare la storica trasmissione di Rai 2

Un nuovo amore per Magalli? Giada ha solo 22 anni

“I fatti vostri” non chiude. Magalli: “C’è sempre il problema del tetto al mio compenso”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.