Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

‘L’amica geniale’, Elena Ferrante: “Ho fatto un patto 27 anni fa e non intendo violarlo”

Immagine di copertina
Le copertine dei libri di Elena Ferrante

La scrittrice "nascosta" ha parlato anche della serie televisiva basata sui suoi romanzi e in onda su Rai 1

“Chi legge i miei libri li legge, ora più di prima, sapendo che ogni mia possibile fisionomia è affidata alla scrittura. È un patto sancito ventisette anni fa e non intendo violarlo”. Le parole di Elena Ferrante sulla sua vera identità, raccolte in un’intervista via mail dal giornalista Angelo Carotenuto del Venerdì di Repubblica, sono perentorie.

La scrittrice – che aveva dichiarato ciò nell’ottobre 2018 – è di nuovo al centro del dibattitto, soprattutto grazie alla messa in onda, su Rai 1, della serie televisiva omonima basata sulla sua tetralogia L’amica geniale.

Alla versione per il piccolo schermo del best seller – più di dieci milioni le copie vendute in diversi Paesi – ha lavorato Saverio Costanzo, regista de La solitudine dei numeri primi. Un prodotto composto, per quanto riguarda la prima stagione, da otto episodi – 32 in tutto poiché la stagioni dovrebbero essere quattro. E proprio il 5 dicembre 2018 è arrivato l’annucio della seconda basata sul romanzo Storia del nuovo cognome.

Dalla pagina allo schermo

Elena Ferrante, come si sa, ha accettato la sfida: far sì che la sua tetralogia passasse dal mondo della letteratura a quello della televisione. “Grazie a un certo tipo di lettura specialistica (quella degli sceneggiatori, quella del regista) il romanzo passa dalla pagina allo schermo e nel corso di questo movimento perde la veste letteraria, si denuda. È questa nudità che mi confonde e insieme mi incuriosisce” ha dichiarato l’autrice a riguardo.

La Ferrante, poi, ha seguito continuamente la stesura della sceneggiatura della fiction scrivendo al regista Costanzo, al quale ha inviato lunghe note. Ma la scrittrice non si definisce una sceneggiatrice: “Non si è trattato di un lavoro vero e proprio di sceneggiatura, non ne avrei avuta la competenza. Ho discusso piuttosto i testi scritti da Costanzo e dai suoi collaboratori intervenendo con proposte mie lì dove mi sembrava necessario”.

Le opere di Elena Ferrante, comunque, sono già state adattate per il cinema: è il caso de L’amore molesto e I giorni dell’abbandono.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Diritto a Teatro: il 17 e 18 giugno l’Antigone di Sofocle al Teatro Palladium
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Ti potrebbe interessare
Cultura / Diritto a Teatro: il 17 e 18 giugno l’Antigone di Sofocle al Teatro Palladium
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Cultura / Un libro di corsa: Il labirinto delle ombre
Cultura / Un libro di corsa: Fuga
Cultura / Un libro di corsa: La pazienza del diavolo
Cultura / Black Art Matters: l’ascesa dell’arte afroamericana
Calcio / Venerdì 28 maggio TPI presenta il libro Calcio e Geopolitica
Cultura / Un libro di corsa: Favolosa economia
Cultura / Un libro di corsa: Come delfini tra i pescecani