Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli

Sul palco dei Golden Globe il discorso politico di Alfonso Cuaron: “Il cinema costruisce ponti e distrugge muri”

Immagine di copertina
Alfonso Cuaron. Credit: AFP

Il messicano vince la statuetta come "Miglior regista". Il suo "Roma" guadagna il premio come "Miglior film straniero"

“Il cinema costruisce ponti e distrugge muri”. Queste le parole di Alfonso Cuaron stringendo stretta tra le mani la statuetta come “Miglior regista” per il film Roma. Il 57enne è salito sul palco di Los Angeles e ha fatto uno dei discorsi politici più forti della serata.

La provocazione, da messicano, va alla politica anti immigrazionista che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta portando avanti per la costruzione di un muro al confine tra Usa e Messico.

Roma di Cuaron guadagna anche il Globe come “Miglior film in lingua non inglese”.

Roma

Il film è ambientato nel Messico del 1970 e prende il nome da Roma, un quartiere in cui vive la classe medioborghese di Città del Messico.

La pellicola racconta un periodo di grande instabilità economica e politica che ha interessato il paese negli anni Settanta.

Protagonista della pellicola è Cleo, la domestica di una famiglia borghese che si occupa di marito, moglie, nonna, quattro figli e di un cane.

La domestica è di origine india, a differenza della famiglia presso cui lavora che discende invece dagli spagnoli e interagisce solo con americani di alto rango presenti in città.

Cleo è più che una domestica: è una tuttofare deve occuparsi di ogni singolo bisogno dei membri della famiglia. Nel film la vediamo prendersi cura dei bambini, della madre e persino degli escrementi del cane.

Alfonso Cuaron è riuscito a raccontare nel suo film le contraddizioni del Messico degli anni Settanta, in cui il benessere ostentato dalle classi più agiate si scontra con la condizione di schiavitù in cui sono costretti a vivere i più poveri, condannati dalla nascita ai lavori più umili.

Sullo sfondo, le tensioni sociali che hanno interessato il paese in quegli anni e che eromperanno nel corso del film, mentre i politici cercano frettolosamente di adeguare il loro messaggio e le loro agende alla nuova situazione per non perdere consensi.

 

Ti potrebbe interessare
TV / The Miracle Club: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / DiMartedì, le anticipazioni e gli ospiti della puntata di stasera 16 aprile 2024 su La7
TV / È sempre Cartabianca: anticipazioni e ospiti della puntata di stasera 16 aprile su Rete 4
Ti potrebbe interessare
TV / The Miracle Club: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / DiMartedì, le anticipazioni e gli ospiti della puntata di stasera 16 aprile 2024 su La7
TV / È sempre Cartabianca: anticipazioni e ospiti della puntata di stasera 16 aprile su Rete 4
TV / Belve 2024: le anticipazioni e gli ospiti della terza puntata, 16 aprile
TV / Petrolio: anticipazioni, servizi e inchieste della puntata del 16 aprile 2024 su Rai 3
TV / Le Iene Show 2024: anticipazioni, servizi e scherzi di oggi, 16 aprile
TV / Belve 2024 streaming e diretta tv: dove vedere la terza puntata
TV / Le Iene 2024 streaming e diretta tv: dove vedere lo show, 16 aprile
Spettacoli / Paolo Belli annulla il tour teatrale: “Mia moglie sta male, ha bisogno di me”
TV / Anticipazioni Uomini e Donne oggi, 16 aprile 2024 | Trono Classico e Over