Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sondaggi

Sondaggi politici oggi 2 gennaio 2022: Draghi il migliore del 2021. Bocciati Salvini e Renzi

Immagine di copertina

Sondaggi politici oggi 2 gennaio 2022

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI OGGI – Si chiude un anno, se ne apre uno nuovo, ed è tempo di bilanci. La novità politica del 2021 è stata sicuramente l’avvento del governo Draghi. Proprio l’ex numero uno della Bce risulta essere il miglior leader secondo gli italiani. È quanto emerge dall’ultimo sondaggio di Demos pubblicato su Repubblica.

In un’epoca in cui i partiti e le istituzioni sono sempre più personalizzati, Mario Draghi viene definito il migliore sulla scena nazionale secondo il 27% degli intervistati. Il presidente del Consiglio ottiene il primo posto e un buon 20% se si considerano i leader a livello internazionale. Dal canto suo il nostro premier, secondo il campione, può infatti vantare gli ottimi rapporti e la stima di cui gode con le principali istituzioni finanziarie e politiche europee. Un punto di riferimento per gli intervistati, scrive Ilvo Diamanti.

Al secondo posto, per quanto riguarda lo scenario italiano, c’è Giuseppe Conte. L’ex inquilino di Palazzo Chigi è alle prese con la non facile rifondazione del M5S. Ad un anno dalle dimissioni da presidente del Consiglio, il leader grillino gode ancora del favore del 17% del campione. Per lui un discreto 5% anche tra le figure politiche internazionali, superato da Angela Merkel.

Tornando ai leader italiani, dietro Conte, con un certo margine di distanza, troviamo all’8% Giorgia Meloni, al 5% Matteo Salvini e – un po’ a sorpresa – solo al 5% Sergio Mattarella. Il presidente della Repubblica uscente paga forse il fatto di essere un garante e un arbitro, che non si è mai sbilanciato in maniera eccessiva.

E tra i peggiori? Sulla scena internazionale, nonostante non sia più in campo, resta in testa con l’11% delle preferenze Donald Trump, seguito da Salvini, Boris Johnson, Joe Biden e Matteo Renzi. In Italia quasi un terzo degli italiani, secondo il sondaggio, concorda nel dire che il leader peggiore è il numero uno della Lega (24%). Al secondo posto Renzi, bocciato dal 16% degli intervistati. Molto di più rispetto allo scorso anno, segno che il suo protagonismo nel far cadere il governo Conte e portare Draghi a Palazzo Chigi ha avuto un effetto divisivo, nonostante la scarsa rilevanza elettorale del suo Italia Viva (stimata intorno al 2%).

I due “Mattei” vengono dunque percepiti come un problema per l’attuale premier. Da segnalare infine come fuori da queste classifiche si collochi Silvio Berlusconi, dato tra i papabili nella corsa al Quirinale. Una sfida delicata e dagli esiti incerti per la politica nostrana. Difficile al momento immaginare cosa succederà dopo l’elezione del prossimo Presidente della Repubblica, a prescindere da chi salirà al Colle.

COME SI FANNO I SONDAGGI

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: Tutti i sondaggi

Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 8 febbraio 2023: lieve ripresa del Pd, ma FdI torna a crescere
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 7 febbraio 2023: FdI in calo al 28,5%
Sondaggi / Fdi non cresce più, tracollo della Lega, risale il Pd
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 8 febbraio 2023: lieve ripresa del Pd, ma FdI torna a crescere
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 7 febbraio 2023: FdI in calo al 28,5%
Sondaggi / Fdi non cresce più, tracollo della Lega, risale il Pd
Sondaggi / Fdi e Lega in calo, crescono 5 Stelle e Sinistra
Sondaggi / Calano Fdi e Lega, crescono sia il M5S che il Pd
Sondaggi / Cala ancora Fdi, risale la Lega. Il M5S stacca di oltre tre punti il Pd
Sondaggi / Mai così tanti italiani contrari all’invio di armi in Ucraina
Sondaggi / Gli italiani promuovono i primi 100 giorni del governo Meloni
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 27 gennaio 2023: nel Lazio Rocca in vantaggio su D’Amato
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 26 gennaio 2023: volano 5 Stelle, Lega e Forza Italia