Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sondaggi

Sondaggi politici elettorali oggi 8 febbraio 2021: come voterebbero gli italiani se ci fosse un partito di Conte alle elezioni

Immagine di copertina

Sondaggi politici elettorali oggi 8 febbraio 2021: tutti i dati

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Se gli italiani fossero chiamati oggi alle urne voterebbero in modo molto diverso a seconda della presenza, o meno, di un partito di Giuseppe Conte, il presidente del Consiglio dimissionario. Un sondaggio di Euromedia Research, realizzato per la trasmissione Porta a Porta, ha indagato proprio questo scenario di ipotesi.

Se si andasse oggi alle urne, secondo le formazioni politiche attuali, la Lega sarebbe il primo partito al 24,3 per cento. Sempre nell’area del centrodestra Fratelli d’Italia otterrebbe il 15,2 per cento, Forza Italia il 7,7 per cento e gli altri partiti minori porterebbero un contributo dello 0,8 per cento che farebbe arrivare la coalizione al 48%. Nell’area giallorossa, invece, il Pd sarebbe la seconda forza politica al 19,5 per cento. Il Movimento Cinque Stelle arriverebbe invece al 14,1 per cento. Alle forze di governo si sommerebbe il 2 per cento di Sinistra Italiana e l’1,2 per cento di MDP-Articolo 1. In totale si arriverebbe al 36,8per cento. Italia Viva si fermerebbe al 3,5 per cento, ampiamente superata dalla formula +Europa-Azione al 4,8 per cento.

Se invece alle elezioni si presentasse anche un partito di Giuseppe Conte, gli equilibri cambierebbero. Il Pd scenderebbe al 13,8 per cento e il M5s al 10,4 per cento. Il partito di Conte sarebbe al 9,8 per cento. Tra Sinistra Italiana e MDP-Articolo 1 si aggiungerebbe un altro 3,3 per cento e in totale la maggioranza arriverebbe al 37,3 per cento. Nella coalizione del centrodestra gli equilibri resterebbero pressoché simili con la Lega al 24 per cento, FdI al 15,3 per cento, FI al 7,1 per cento e le altre forze minori all’1,1 per cento. In totale il cdx sarebbe al 47,5 per cento. Crescerebbe invece Iv, che arriverebbe al 4 per cento. +Europa e Azione sarebbero invece al 4,6 per cento.

Il tutto cambierebbe ancora se Conte fosse alla guida dei Cinque Stelle. Il Movimento arriverebbe allora a scavalcare il Pd: 18,6 per cento contro il 16 per cento. Sinistra Italiana, MDP-Articolo 1 porterebbero un ulteriore 3,6 per cento e l’area giallorossa salirebbe così al 38,2 per cento. Comunque resterebbe ben distante dal centrodestra, dato invece al 48,5 per cento, dalla somma dei consensi a Lega (24,2 per cento), FdI (15,3 per cento), FI (7,8 per cento) e i partiti più piccoli (1,2 per cento). Italia Viva sarebbe sempre al 4 per cento, appena dietro +Europa-Azione al 4,4 per cento.

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici e del Governo dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Fratelli d'Italia cresce ancora e stacca Lega e Pd
Sondaggi / Pd primo partito. Superati Lega e Fratelli d'Italia
Sondaggi / Lega primo partito, ma il Pd è a un passo
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Fratelli d'Italia cresce ancora e stacca Lega e Pd
Sondaggi / Pd primo partito. Superati Lega e Fratelli d'Italia
Sondaggi / Lega primo partito, ma il Pd è a un passo
Sondaggi / Cresce il Pd, cala la Lega. Fratelli d'Italia stabile al primo posto
Sondaggi / Roma: Michetti ancora in testa ma sfavorito al ballottaggio. Indecisi al 44%
Sondaggi / Fratelli d'Italia stacca Lega e Pd e consolida il primato
Sondaggi / Comunali: Michetti in testa a Roma, ma al ballottaggio potrebbe cambiare tutto
Sondaggi / Gli italiani vorrebbero Mario Draghi come premier anche nella prossima legislatura
Sondaggi / Italiani favorevoli sia al Green Pass che all'obbligatorietà del vaccino
Sondaggi / Fdi sempre più primo partito, vola la Lega, male Pd e M5S