Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sondaggi

Sondaggi politici elettorali oggi 29 giugno 2021: Fratelli d’Italia supera la Lega, ora è il primo partito

Immagine di copertina

Sondaggi politici elettorali oggi 29 giugno 2021

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI OGGI – Era nell’aria già da tempo, ma adesso il sorpasso si è materializzato: come riporta il sondaggio effettuato da SWG per La7, Fratelli d’Italia è balzato in testa ai consensi degli italiani. Giorgia Meloni può dunque festeggiare: dopo una costante crescita, che va avanti da oltre un anno, il suo è oggi il primo partito in Italia.

Si tratta di un momento significativo, perché la Lega perde per la prima volta da moltissimo tempo il primato, cedendolo al partito alleato di centrodestra: uno scenario che potrebbe modificare significativamente gli equilibri nella coalizione, ribaltando gli attuali rapporti di forza e mettendo seriamente in discussione la leadership di Matteo Salvini.

Nell’ultima settimana, Fratelli d’Italia ha guadagnato lo 0,2 per cento, attestandosi al 20,7 per cento, uno 0,4 in più rispetto alla Lega, che flette dello 0,3 per cento.

Il Partito Democratico guadagna due decimali e sale al 18,8 per cento, mentre la faida tra Grillo e Conte non sembra nuocere al Movimento Cinque Stelle, che sale di 0,6 punti percentuali e si attesta al 16,6 per cento.

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: Tutti i sondaggi

Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Votano per il centrodestra e hanno la licenza media: chi sono i no vax italiani secondo un sondaggio
Sondaggi / Due italiani su tre favorevoli al green pass obbligatorio
Sondaggi / Il Pd supera Lega e Fratelli d'Italia e diventa il primo partito
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Votano per il centrodestra e hanno la licenza media: chi sono i no vax italiani secondo un sondaggio
Sondaggi / Due italiani su tre favorevoli al green pass obbligatorio
Sondaggi / Il Pd supera Lega e Fratelli d'Italia e diventa il primo partito
Sondaggi / Testa a testa Fratelli d'Italia-Lega, boom del M5S
Sondaggi / La Lega scavalca Fratelli d'Italia e torna a essere il primo partito
Sondaggi / Ecco cosa pensano gli italiani della posizione di Salvini sui vaccini
Sondaggi / Fratelli d'Italia, Lega e Pd in calo, crescono M5S e Forza Italia
Sondaggi / Quattro partiti in 3 punti, nella politica italiana regna l'equilibrio. Debacle per Renzi
Sondaggi / La maggioranza degli italiani è favorevole a estendere l'uso del Green pass e all'obbligo vaccinale
Sondaggi / La maggioranza degli italiani approva il referendum abrogativo del reddito di cittadinanza