Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sondaggi

Sondaggi politici elettorali oggi 29 dicembre: gli italiani bocciano l’esecutivo sulla gestione dell’emergenza Covid, ma non credono a una crisi di governo

Immagine di copertina

Sondaggi politici elettorali oggi 29 dicembre: ultimissimi

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Gli italiani bocciano l’esecutivo guidato da Giuseppe Conte sulla gestione dell’emergenza Covid, ma non credono a una crisi di governo: è quanto emerge dagli ultimi sondaggi politici elettorali elaborati da Emg Different.

L’istituto, infatti, ha raccolto l’opinione degli italiani sull’operato del governo Conte bis nel contrastare la seconda ondata di Covid in Italia. Solamente l’8 per cento degli intervistati si ritiene molto soddisfatto dell’azione dell’esecutivo, mentre il 26% lo è abbastanza: il 34 per cento, quindi, appoggia l’azione del governo.

Il 56%, invece, boccia le misure messe in campo dall’esecutivo. Tra questi, il 27 per cento si ritiene poco soddisfatto, mentre 29% afferma di essere per nulla contento dell’operato del governo. Il 10 per cento, invece, non risponde al quesito.

Nello stesso sondaggio, agli intervistati è stato chiesto anche cosa pensassero di una eventuale crisi di governo, minacciata in più occasioni da Italia Viva. Il 45 per cento del campione non crede che ci sarà una crisi di governo, mentre il 30 per cento ritiene che l’esecutivo possa realmente cadere. Il 25%, invece, ha preferito non rispondere al quesito.

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Sondaggi: la Lega cala, Meloni ha quasi raggiunto il Pd
Sondaggi / Fiducia nei leader: Conte a un passo da Draghi, Meloni meglio di Salvini
Sondaggi / La Lega resta il primo partito, ora il Pd è staccato di tre punti
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Sondaggi: la Lega cala, Meloni ha quasi raggiunto il Pd
Sondaggi / Fiducia nei leader: Conte a un passo da Draghi, Meloni meglio di Salvini
Sondaggi / La Lega resta il primo partito, ora il Pd è staccato di tre punti
Sondaggi / La Lega continua a calare, ne beneficia FdI
Sondaggi / Fratelli d'Italia al massimo storico nei sondaggi: supera quota 19%
Sondaggi / Lega ancora in calo, Pd e Fdi sono ormai a un passo
Sondaggi / La Lega cala ancora, ma resta il primo partito
Sondaggi / Si riduce il divario tra Pd e Lega nei sondaggi: solo un punto separa i due partiti
Sondaggi / La Lega tocca un nuovo minimo
Sondaggi / Fratelli d'Italia vola nei sondaggi e prepara il sorpasso sul Pd