Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sondaggi

Sondaggi politici elettorali oggi 28 dicembre: ecco quanto vale un ipotetico partito di Conte

Immagine di copertina

Sondaggi politici elettorali oggi 28 dicembre: ultimissimi

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Se il governo cade a gennaio, si va alle urne con Pd e M5S alleati e una lista capeggiata da Giuseppe Conte: è lo scenario delineato da Goffredo Bettini in un’intervista a La Stampa.

Ma quanto può valere un eventuale partito del premier? E in quale area pescherebbe i voti? Il Corriere della Sera lo ha chiesto a diversi esperti, i quali hanno dato un’opinione in merito anche in base agli ultimi sondaggi politici elettorali elaborati.

Nando Pagnoncelli di Ipsos ha sottolineato che il suo istituto al momento non ha “dati recenti sul potenziale elettorale di Conte” aggiungendo però che “il consenso che deriva dal profilo istituzionale difficilmente si traduce in voti, come avvenne con Dini e Monti”.

“Come spesso accade nelle situazioni di emergenza – continua Pagnoncelli – una parte del consenso per l’operato del premier proviene da elettori dell’opposizione e dagli astensionisti (che rappresentano circa il 40 per cento dell’elettorato). Quasi tutti costoro continuano poi a votare per il partito che sentono più vicino o continuano a volersi astenere. Infatti, un conto è operare da premier che non è iscritto a un partito, un altro è entrare nella competizione elettorale”.

Secondo Alessandra Ghisleri di Euromedia Research, invece, un eventuale partito di Conte non andrebbe oltre il “4-6 per cento”. Anche se questo dato, sottolinea l’esperta, era relativo a un sondaggio effettuato verso la fine dell’estate.

“Senza un campagna elettorale conta moltissimo l’influenza dell’attualità, e lui è molto presente con tutte le sue conferenze stampa – dichiara la Ghisleri – I consensi comunque, nei test che avevamo fatto, provenivano principalmente da Pd e M5S”.

Fabrizio Masia di Emg non esclude che il partito di Conte “possa valere tra l’8 e il 12 per cento come potenzialità, nonostante la sua fiducia sia declinante”.

Secondo Masia comunque “L’elettorato a cui parla in parte è quello grillino, in parte quello pd, non parla invece al centrodestra. Parla un po’, ma veramente poco, al versante moderato di Forza Italia”.

Pietro Vento di Demopolis, invece, sottolinea che la fiducia nel premier è oscillata “nelle ultime settimane tra il 45 e il 50 per cento”.

“Il premier – aggiunge – è oggi apprezzato da oltre l’80 per cento dell’elettorato di M5S e Pd, ma i giudizi positivi nei suoi confronti si riducono invece a meno del 5 per cento tra chi vota Lega e FdI. Questione diversa dalla fiducia è la stima del consenso ad un’ipotesi a lista Conte. Se si votasse per la Camera, secondo le analisi di Demopolis, otterrebbe il 10 per cento. La parte più consistente del suo consenso, 5-6 per cento, verrebbe da M5S, il 2 dal Pd e dal centrosinistra, non più di un punto da Forza Italia, nulla dal resto del centrodestra”.

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Due italiani su tre favorevoli al green pass obbligatorio
Sondaggi / Il Pd supera Lega e Fratelli d'Italia e diventa il primo partito
Sondaggi / Testa a testa Fratelli d'Italia-Lega, boom del M5S
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Due italiani su tre favorevoli al green pass obbligatorio
Sondaggi / Il Pd supera Lega e Fratelli d'Italia e diventa il primo partito
Sondaggi / Testa a testa Fratelli d'Italia-Lega, boom del M5S
Sondaggi / La Lega scavalca Fratelli d'Italia e torna a essere il primo partito
Sondaggi / Ecco cosa pensano gli italiani della posizione di Salvini sui vaccini
Sondaggi / Fratelli d'Italia, Lega e Pd in calo, crescono M5S e Forza Italia
Sondaggi / Quattro partiti in 3 punti, nella politica italiana regna l'equilibrio. Debacle per Renzi
Sondaggi / La maggioranza degli italiani è favorevole a estendere l'uso del Green pass e all'obbligo vaccinale
Sondaggi / La maggioranza degli italiani approva il referendum abrogativo del reddito di cittadinanza
Sondaggi / Il 70% degli italiani è favorevole al green pass, il 49% da subito