Me

Sondaggi politici elettorali oggi 17 settembre: la Lega di Salvini stacca Pd e M5S di oltre 10 punti

Ecco cosa indicano gli ultimissimi sondaggi politici elettorali di oggi, 17 settembre 2019, partito per partito

Di Donato De Sena
Pubblicato il 17 Set. 2019 alle 06:13 Aggiornato il 17 Set. 2019 alle 21:14
Immagine di copertina
Foto: Di Maio, Zingaretti e Salvini

Sondaggi politici elettorali oggi 17 settembre: ultimissimi

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Gli ultimi sondaggi politici ed elettorali pubblicati e relativi alle intenzioni di voto ai partiti italiani segnalano una tenuta della Lega di Matteo Salvini, ancora saldamente oltre il 30 per cento dei consensi, e Pd e Movimento 5 Stelle staccati di circa dieci punti. Qui elenchiamo tutti i più recenti dati sul consenso alle forze politiche, aggiornati ad oggi, martedì 17 settembre 2019.

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI: IL SONDAGGIO DI SWG

Gli ultimi numeri sui voti dei partiti sono stati diffusi ieri, lunedì 16 settembre, nel corso del telegiornale di La7. Si tratta di un sondaggio dell’istituto demoscopico Swg, che effettua rilevazioni del il tg di Enrico Mentana con cadenza settimanale.

Nel dettaglio, la Lega è stata segnalata al 34 per cento di consenso, il Pd al 21,5, il M5S al 20,2, Fratelli d’Italia al 7, Forza Italia, al 5,9, +Europa al 2,4, i Verdi al 2,3, La Sinistra al 2,2 e cambiamo di Giovanni Toti al 2.

Complessivamente dunque uno schieramento di centrodestra sovranista composto da Fdi e Lega, se si votasse oggi per elezioni politiche anticipate, secondo Swg otterrebbe alle urne oltre il 40 per cento dei voti. La coalizione di governo composta da Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e sinistra di Leu viene indicata poco sotto il 45 per cento.

Ultimi sondaggi: le intenzioni di voto: Lega, Pd, M5S, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Leu

Gli ultimi sondaggi politici ed elettorali sulle intenzioni di voto ai partiti non fanno registrare scosse rispetto ai primi giorni di settembre. Una variazione sensibile delle percentuali di consenso alle forze politiche era stata registrata comunque nel corso del mese precedente, dallo scoppio della crisi del governo M5S-Lega, scatenata da Salvini a inizio agosto, alla nascita del governo Conte bis, appoggiato da Pd e Movimento 5 Stelle, a inizio settembre.

Una settimana fa, ancora Swg, aveva stimato la Lega al 33,4 per cento, il Pd al 22,1, il M5S al 21, Fratelli d’Italia al 7,2, Forza Italia al 5,2, +Europa al 2,6, La Sinistra di Leu e altre forze minori al 2,3 e Cambiamo di Toti al 2,3.

Sondaggi politici elettorali: i dati in breve

Lega: 34 per cento

Pd: 21,5 per cento

M5S: 20,2 per cento

Fratelli d’Italia: 7,0 per cento

Forza Italia: 5,9 per cento

Dentro il Rojava, guerra di Siria

+Europa: 2,4 per cento

Verdi: 2,3 per cento

Dentro il Rojava, guerra di Siria

La Sinistra: 2,2 per cento

Cambiamo: 2,0 per cento

(Fonte: TgLa7)

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI: IL SONDAGGIO DI TECNÈ

Un sondaggio interessante è anche quello diffuso ieri sera, lunedì 16 settembre, nel corso della trasmissione di Rete 4 Quarta Repubblica realizzato dalla società Tecnè, che segnala ancora una risalita della Lega di Salvini e una flessione di Pd e M5S. Il Carroccio viene stimato al 32,3 per cento dei consensi contro il 23,3 del Partito Democratico e il 20,7 del Movimento 5 Stelle. Forza Italia viene poi stimata al 7,9 per cento e Fratelli d’Italia al 7,3 (qui tutti i numeri).

Per quanto riguarda le coalizioni il centrodestra composto da Lega, Fdi e Forza Italia per Tecnè vale il 49,1 per cento dei voti contro il 47,5 per cento della somma di partiti. Un ipotetico schieramento Pd-M5S sarebbe invece al 41,5 per cento contro il 44,0 per cento della somma delle due forze.

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi politici ed elettorali vengono effettuati da società demoscopiche rispettando specifici criteri scientifici. Gli autori devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

A questo link tutti gli ultimi sondaggi elettorali di TPI

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti.

Le interviste di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.