Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sondaggi

Sondaggi politici elettorali oggi 13 gennaio: se si votasse oggi il centrodestra vincerebbe in 3 simulazioni su 5. Solo in un caso giallorossi al governo

Immagine di copertina

Sondaggi politici elettorali oggi 13 gennaio: ultimissimi

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Nelle ore in cui si decide il destino del governo in molti si chiedono che cosa accadrebbe se si tornasse alle urne: la risposta, secondo gli ultimi sondaggi politici elettorali, è che vincerebbe il centrodestra in quasi tutti gli scenari che sono stati simulati.

Youtrend, infatti, ha elaborato cinque possibili scenari, tutti basati sul Rosatellum, il sistema elettorale attualmente in vigore. In tre delle cinque simulazioni, realizzate sommando le tendenze attuali dei partiti e i risultati delle elezioni europee del 2019, il centrodestra vincerebbe le elezioni.

Il primo scenario ipotizza che i partiti si presentino così come alle ultime elezioni del marzo 2018. Quindi, centrodestra unito, M5S da solo e centrosinistra composto da Pd, Più Europa e Azione. Questo è la simulazione più favorevole al centrodestra, che otterrebbe il 62% dei seggi in entrambi i rami del Parlamento (248 su 400 alla Camera, 124 su 200 al Senato).

Nel secondo scenario, invece, è stato preso come modello quello delle ultime elezioni regionali in Liguria. Ovvero, centrodestra da una parte, Pd e M5S dall’altra e Italia Viva al centro insieme a +Europa e Azione. Anche in questo caso il centrodestra otterrebbe la maggioranza in entrambe le Camere (210 deputati e 108 senatori), seppur con numeri meno bulgari.

Il terzo scenario è simile al secondo, ma con un cambio di “casacca” da parte di un partito. In questa terza simulazione, infatti, si ipotizza che Forza Italia possa correre insieme a Italia Viva, +Europa e Azione, sfidando Lega e FdI da una parte e Pd e M5S dall’altra. In questo caso, l’alleanza giallorossa avrebbe la maggioranza relativa dei seggi (180 alla Camera, 91 al Senato), ottenendo 10 deputati e 8 senatori in più di Lega e Fratelli d’Italia. Il polo centrista, quindi, sarebbe fondamentale per la formazione di un esecutivo.

Nel quarto scenario vengono proposte in coalizione gli attuali equilibri parlamentari: quindi Pd, Italia Viva, La Sinistra, Europa Verde e Movimento 5 Stelle, da una parte, e Lega, FdI, FI e Cambiamo, dall’altra, con +Europa e Azione separati. Anche in questo caso, il centrodestra, seppur di poco, avrebbe la maggioranza in entrambe le Camere con 203 deputati e 102 senatori.

Nel quinto e ultimo scenario, invece, vengono considerati due grandi blocchi: uno composto dal centrodestra e l’altro dal centrosinistra, inclusi, quindi, anche M5S, Italia Viva e le forze centriste. In questo caso, il centrosinistra “allargato” avrebbe per un pelo la maggioranza di entrambe le Camere (201 seggi su 400) e al Senato (102 su 200).

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Calano Fdi e Pd, bene M5S e Forza Italia
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 1 marzo 2024: Fdi e Pd in lieve calo, recupera il M5s di Conte
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 29 febbraio 2024: ora tocca all’Abruzzo, le intenzioni di voto
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Calano Fdi e Pd, bene M5S e Forza Italia
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 1 marzo 2024: Fdi e Pd in lieve calo, recupera il M5s di Conte
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 29 febbraio 2024: ora tocca all’Abruzzo, le intenzioni di voto
Sondaggi / Fdi cala nei consensi, risale il Movimento 5 Stelle
Sondaggi / Gli italiani bocciano il governo sulla lotta all'evasione
Sondaggi / Gli italiani vogliono ridurre l’invio di armi all’Ucraina
Sondaggi / Le tensioni penalizzano FdI e Lega, sale il M5s
Sondaggi / Cescono sia Fdi che Pd, calano M5S e Lega
Sondaggi / Crosetto, Tajani e Giorgetti i ministri più apprezzati, Santanché la meno gradita
Sondaggi / Arretra Fdi, cala la fiducia in Meloni: risale il Pd, male la Lega