Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sondaggi

Sondaggi politici elettorali oggi 11 giugno: italiani contrari all’invio di armi in Ucraina

Immagine di copertina
Crdit: EPA/SERGEY KOZLOV

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI OGGI – La maggior parte degli italiani è contraria all’invio di armi in Ucraina: è quanto emerge dagli ultimi sondaggi politici elettorali elaborati da Euromedia Research presentati dalla direttrice Alessandra Ghisleri nel corso di L’aria che tira in onda su La7.

“Il 50 per cento degli italiani non vuole assolutamente armare l’Ucraina. Le persone hanno compreso che se la crisi preme, a causa della guerra, modifica la nostra qualità della vita e aumenta così la paura” ha spiegato la sondaggista.

Secondo l’esperta, gli italiani sono contrari perché hanno capito che “è in gioco il futuro dell’Europa e dell’Occidente”.

“Il 61,5 per cento ritiene prevalenti le motivazioni ucraine, a fronte del 17,8%” aggiunge la Ghisleri, secondo la quale a terrorizzare gli italiani è la paura che il conflitto possa degenerare ulteriormente coinvolgendo anche l’Occidente.

“Addirittura il 70,7 per cento afferma di essere comunque contrario alle armi anche se l’Ucraina così facendo soccombesse alla Russia” spiega la sondaggista.

COME SI FANNO I SONDAGGI

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne. Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: Tutti i sondaggi
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Cala ancora il Pd, crolla il Movimento 5 Stelle
Sondaggi / Gli italiani bocciano la politica economica del governo Meloni
Sondaggi / Fdi perde mezzo punto, crescono Movimento 5 Stelle e Forza Italia
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Cala ancora il Pd, crolla il Movimento 5 Stelle
Sondaggi / Gli italiani bocciano la politica economica del governo Meloni
Sondaggi / Fdi perde mezzo punto, crescono Movimento 5 Stelle e Forza Italia
Sondaggi / Fdi perde quasi un punto, boom di Italia Viva che si riavvicina ad Azione
Sondaggi / Male il Pd, riprende quota il M5s. Per il 56% in Italia c’è ancora una cultura patriarcale
Sondaggi / Fdi al 29%, crescono Lega e Forza Italia. Male Pd e M5S
Sondaggi / Gli italiani bocciano il governo, ma continuano ad avere fiducia nel centrodestra
Sondaggi / Giorgia Meloni è il leader più gradito, cala la fiducia in Elly Schlein
Sondaggi / Fdi perde quasi mezzo punto, ma nessuno ne approfitta
Sondaggi / Sale il Movimento 5 stelle, in calo il Pd. FdI ancora primo partito