Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

Sondaggi politici elettorali: l’indice di fiducia verso Draghi è raddoppiato in 3 mesi

Di Anna Ditta
Pubblicato il 12 Feb. 2021 alle 07:42
153
Immagine di copertina
Mario Draghi. Credit: Ufficio Stampa Quirinale

Sondaggi politici elettorali oggi: l’indice di fiducia verso Draghi è raddoppiato in 3 mesi

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – L’indice di fiducia di Mario Draghi alla vigilia della nascita del suo governo è pari 62 per cento. Il dato emerge da un sondaggio realizzato da Euromedia Research per il quotidiano La Stampa. Draghi registra un sostegno quasi totale nel centrosinistra (94 per cento) e in particolare nel Pd (85), anche se il picco più alto è raggiunto tra gli elettori di Italia Viva.

Nell’elettorato di Forza Italia Draghi raccoglie il 66 per cento dei consensi. Un dato che scende al 64 per cento tra gli elettori di Fratelli d’Italia e al 60 tra quelli della Lega. Tra gli elettori M5S, che hanno dato ieri il loro via libera al nuovo governo tramite il voto degli iscritti sulla piattaforma Rousseau, la fiducia è al 44,9 per cento.

L’indice di fiducia dell’opinione pubblica è aumentato in particolare negli ultimi 3 mesi, un periodo durante il quale il nome dell’ex governatore è finito più sui giornali: dal 10 novembre l’impennata di Draghi lo ha portato dal 33,8 per cento di fiducia al 62.

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

153
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.