Covid ultime 24h
casi +23.641
deceduti +307
tamponi +355.024
terapie intensive +46

Sondaggi politici elettorali: gli italiani si aspettavano di meglio dalla squadra di governo di Draghi

Di Antonio Scali
Pubblicato il 18 Feb. 2021 alle 06:16
1.2k
Immagine di copertina
Credit: Quirinale

Sondaggi politici elettorali oggi 18 febbraio 2021

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI OGGI – Non pienamente soddisfatti: la maggior parte degli italiani non ha gradito particolarmente la squadra di Governo formata dal nuovo presidente del Consiglio Mario Draghi. A rivelarlo è il sondaggio Ipsos per la trasmissione Dimartedì, trasmessa lo scorso 16 febbraio su La7. Il 46% degli intervistati, infatti, afferma che si aspettava di meglio rispetto alla squadra di governo presentata dall’ex governatore della Bce. Il 35% invece afferma di non essere rimasto sorpreso dai nomi presentati a capo dei diversi ministeri. Solo il 5% sostiene che si aspettava di peggio.

Insomma, per molti italiani il “governo dei migliori” non è esattamente il meglio che ci si potesse aspettare. A causare il malcontento potrebbe essere stato qualche politico chiamato a far parte dell’esecutivo. Secondo il sondaggio di Pagnoncelli, inoltre, il 22% degli intervistati risponde che c’è il giusto mix tra tecnici e politici mentre oltre due terzi del campione ritiene che i ministri che provengono dai vari partiti della nuova maggioranza siano troppi, anche se il 31% pensa che le decisioni importanti verranno prese direttamente da Draghi e dagli uomini di sua fiducia. Secondo il sondaggio, il 43% pensa che dopo questo governo i politici italiani perderanno ancora più credibilità rispetto a oggi. Infine positiva per molti la prima impressione lasciata dall’ex numero 1 della Bce come presidente del Consiglio: due terzi degli intervistati hanno una percezione positiva e lo ritengono una persona affidabile e competente. Il 25% delle persone consultate nella rilevazione però pensa che Draghi sia freddo e distaccato.

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

1.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.