Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sociale

“Esistiamo anche noi”: in un video la lezione di una bambina disabile

Non sono le barriere architettoniche ma quelle sociali e culturali i veri ostacoli per una persona con disabilità. Ce lo ricorda una bimba di appena nove anni, Elena, residente a Nola. Da sette anni utilizza la carrozzina per spostarsi e così, ogni benedetto giorno, impara già così piccola cosa significhi scontrarsi con l’inciviltà e la disattenzione dei cittadini. Cosa significhi dove programmare qualsiasi uscita, anche la più semplice, o ancor peggio dover rinunciare a certe esperienze (come partecipare alla festa del paese, decisamente poco inclusiva per chi ha problemi di mobilità).

Il video-appello di una bambina disabile | Una lezione per tutti noi

Per questo motivo ha chiesto a sua mamma di filmarla: per lanciare un messaggio, un video-appello rivolto a chi condivide la sua stessa città e incrocia le sue stesse giornate. Un modo semplice e diretto per ricordare l’esistenza di certi diritti, che poi sono i diritti di tutti, visto che un Paese più accessibile è un Paese migliore anche per chi una disabilità come la sua non ce l’ha. Pensiamo a un genitore con un passeggino, a un anziano con un bastone o ad un giovane temporaneamente infortunato.

“Dovete avere più civiltà, più educazione, più rispetto”, dice Elena con fare sicuro e determinato davanti all’obiettivo. “Siete talmente concentrati sempre e solo su di voi che a noi non ci pensate: ma noi esistiamo, fatevene una ragione! Per questo lotterò ogni giorno per dire ‘no’ ai marciapiedi pieni di ogni cosa…”. E qui la lista si fa bella lunga: biciclette, auto, motorini, sedie, tavoli, spazzatura e tanto altro. Nulla di nuovo, insomma. Per non parlare poi del fatto che la maggior parte dei marciapiedi non è dotata di scivolo per accedervi con comodità, e quando accade viene sfruttata quella pendenza come rampa per salire più comodamente con le ruote (ovviamente da parte degli automobilisti incivili).

> Le notizie della sezione ‘sociale’ di TPI

Il video, caricato da Pina Batino su Facebook, è diventato virale in poco tempo. Una bella notizia a dimostrare la tanta solidarietà che la ragazzina ha incrociato in questo suo legittimo sfogo. Ma che a pensarci, in fondo in fondo, rappresenta una sconfitta: abbiamo davvero bisogno delle parole di una bimba per aprire gli occhi? Quando impareremo ad alzare il nostro sguardo per osservare intorno ed essere sensibili alle necessità altrui?

Che se è vero che i nostri figli sono i cittadini di domani, è altrettanto vero che rappresentano la speranza in questo nostro presente. L’unica rimasta. E allora alle parole di Elena dobbiamo aggrapparci, con tutta la parte migliore di noi, e sostenerle giorno dopo giorno nelle scelte che facciamo e faremo. Per lei e per noi stessi.

Ti potrebbe interessare
Lotterie / L’importanza della licenza AAMS ADM per operare in Italia
Sociale / La società austriaca produttrice delle pistole Glock compie 40 anni
Shopping / Recensioni online, trasparenza e reputazione aziendale
Ti potrebbe interessare
Lotterie / L’importanza della licenza AAMS ADM per operare in Italia
Sociale / La società austriaca produttrice delle pistole Glock compie 40 anni
Shopping / Recensioni online, trasparenza e reputazione aziendale
Sociale / Le figure della sicurezza sul lavoro: ruoli e responsabilità
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Sociale / Recensione Serenis: il miglior servizio di psicoterapia online
Ambiente / I Green Jobs sono i lavori del futuro
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Lavoro / Professioni ICT tra squilibri geografici e gender gap
Economia / Start-up, fucina di idee. E di lavoro