Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Senza categoria

Yes we Can(nabis)

Immagine di copertina

Si abbatte il mito del moralismo americano: uno statunitense su due è a favore della legalizzazione della marijuana

52 percento. Un record. Per la prima volta in 40 anni di sondaggi la maggior parte degli Americani si dice favorevole alla legalizzazione della marijuana.

Il sondaggio – i cui risultati sono appena stati pubblicati – l’ha condotto PEW Research Center a metà marzo, interpellando 1501 persone. Certo, 1500 persone difficilmente rappresentano esattamente il parere di 300 milioni di americani ma questo non toglie che il trend stia andando proprio in quella direzione. 

Nel 1969 erano solo 12 americani su 100 ad essere favorevoli alla legalizzazione, nel 1991 ancora il 17%, nel 2002 il 32%. L’impennata però è arrivata nell’ultimo biennio. Tra il 2010 e il 2013 il dato è salito di 11 punti percentuale. E salirà ancora, beneficiando delle varie deregulation che si stanno attuando in alcuni stati americani, tra referendum e iniziative pubbliche. 

Cosa implica tutto questo? Non di certo che l’America si sta trasformando in un Paese di strafatti. Se quasi un americano su due l’ha provato almeno una volta, solo il 12% dice di averne fatto uso negli ultimi 12 mesi. Gli USA rimangono nella TOP 3 degli Stati che più fanno consumo di marijuana (assieme a Palau e alla nostra Italia), ma il dato non è cambiato di molto negli ultimi anni. 

È però vero che è la mentalità ad essere cambiata, molto più liberal e libera. Il 65% dei millenials, cioè i giovani tra i 18 e i 32 anni, è a favore della legalizzazione, così come sono più aperti nel giudicare altre questioni, dai diritti civili, ai temi della famiglia, della politica, dell’intervento militare.

L’America, dati alla mano, sta diventando sempre meno moralista. Sette anni fa, tornando alla cannabis, il 50% degli americani ritenevano moralmente sbagliato farne uso; adesso il 50% crede che il consumo non sia un problema morale. E se alcuni rimangono fortemente moralisti e contrari alla marijuana, come tutta la vecchia scuola repubblicana, è il pragmatismo a fare breccia: il 70% dei cittadini crede che i costi della lotta a questo tipo di droga leggera siano più alti dei benefici. 

Al momento 11 stati hanno legalizzato la marijuana a tutti gli effetti (uso medico ed uso privato). L’amministrazione Obama potrebbe opporsi in qualsiasi momento, facendo valere il divieto federale ma per ora non l’ha fatto e non lo vuole fare. Perchè, in effetti, mettersi contro il 52% degli Americani? 

iMerica è un sito che racconta il meglio (e il peggio) degli Stati Uniti. 
Sito: www.imerica.it
Facebook: iMerica – Cronache sugli USA
Twitter: @iMerica_it

Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Il colpo del leone: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Aquaman: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Grand Hotel – Intrighi e passioni: il cast completo della terza stagione
Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Il colpo del leone: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Aquaman: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Grand Hotel – Intrighi e passioni: il cast completo della terza stagione
Senza categoria / Oroscopo Branko oggi, giovedì 21 luglio 2022: le previsioni segno per segno
Senza categoria / 2 giugno 2022: frasi e citazioni sulla Festa della Repubblica
Senza categoria / Controcorrente, le anticipazioni e gli ospiti della puntata del 1 giugno 2022
Senza categoria / Bloodshot: tutto quello che c’è da sapere sul film
Esteri / California, pitbull azzanna bimba di un anno: la madre lo accoltella a morte
Lavoro / L’importanza di compilare un foglio presenze mensile
Opinioni / Contatti tra la Cina e il Vaticano: ecco qual è la strategia di Pechino nella guerra Russia-Ucraina