Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Senza categoria

I Dervisci rotanti

Immagine di copertina

Tra folklore e religione, i Sufi danzano anche a Khartum

L’aria condizionata degli uffici è un muro di ghiaccio ad ogni loro ingresso, eppure piacevole.

Il caldo torrido ha però ceduto il passo a temperature meno impegnative, in questi giorni. Si respira. Ancora sabbia.

La sabbia è ovunque, a Khartum. Ti entra nelle narici, ti asciuga gli occhi, ti secca la pelle. Potresti anche dare un sapore alla sabbia, forse.

I quotidiani in inglese non raccontano un granché dei nuovi scontri sulla linea di confine in Sud Sudan, e nelle periferie del Paese. Solo online, ne fanno eco i principali collettori di notizie indipendenti e gli uffici stampa delle ONG, tante sigle, spesso niente di più, accanto a quelle più note.

Ogni anno, milioni di dollari e euro attraversano il Paese, mentre si consuma il dramma di milioni di persone fuori da questa città, vittime di uno scontro armato e a mezzo stampa tra il pugno di Khartum e gli schiaffi dei ribelli.

Forse, per la sua mistica dimensione, il ballo di conciliazione e preghiera dei Sufi, ogni Venerdì al tramonto, è un rifugio offerto ai pochi turisti (khawajas) e ai locali, i più, composti nelle jellabiya, a veder loro danzare al centro del cerchio umano che si forma nei pressi dello Hamid an-Nil Cemetery.

La base ritmica segna il tempo ai piedi dei Sufi, che li sbattono mentre si avvolgono su se stessi senza perdere l’equilibrio, come accadrebbe a me, certamente, fino a cadere in trance.

Il colore verde o bianco o rosso delle loro vesti, i tantissimi pendagli, corde, stracci e copricapi (immas) colorati, e gli stessi tamburi sui quali si incide la musica, riccamente colorati con splendide geometrie verdi, arancioni, bianche e rosse, e il tramonto sempre più vicino, rendono il tutto molto suggestivo. Il sufismo viene tollerato come folklore qui a Khartoum e nelle aree limitrofe, come a Um Dawan Ban.

Non una semplice attrazione, tuttavia, la danza dei Sufi nasce e resta una pratica religiosa, le cui origini si perdono nel tempo, ai primi giorni dell’Islam. Danzano e cantano i 99 nomi di Allah.

Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Jumanji – Benvenuti nella giungla: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Il colpo del leone: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Aquaman: tutto quello che c’è da sapere sul film
Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Jumanji – Benvenuti nella giungla: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Il colpo del leone: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Aquaman: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Grand Hotel – Intrighi e passioni: il cast completo della terza stagione
Senza categoria / Oroscopo Branko oggi, giovedì 21 luglio 2022: le previsioni segno per segno
Senza categoria / 2 giugno 2022: frasi e citazioni sulla Festa della Repubblica
Senza categoria / Controcorrente, le anticipazioni e gli ospiti della puntata del 1 giugno 2022
Senza categoria / Bloodshot: tutto quello che c’è da sapere sul film
Esteri / California, pitbull azzanna bimba di un anno: la madre lo accoltella a morte
Lavoro / L’importanza di compilare un foglio presenze mensile