Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Il cliché messicano dei crimini impuniti

Il candidato sindaco della città di Yurécuaro Enrique Hernández è stato ucciso da presunti sicari del crimine organizzato

Di Fernanda Pesce Blazquez
Pubblicato il 3 Giu. 2015 alle 17:14
0
Immagine di copertina

Il Messico è stato travolto da un’ondata di violenza in vista delle elezioni politiche con cui si rinnova il parlamento che si terranno il prossimo 7 giugno.

Enrique Hernández, il candidato sindaco di Yurécuaro, un municipio a 420 chilometri da Città del Messico e membro del Movimiento de Regeneración Nacional, è stato ucciso da presunti sicari del crimine organizzato.

Gli hanno sparato nella notte di giovedì 21 maggio, al termine di un atto di proselitismo elettorale in occasione di un evento per la sua campagna politica.

La Procura dello stato messicano del Michoacán ha detenuto ventitré agenti di polizia e un civile per interrogarli sull’omicidio in cui sarebbero presumibilmente coinvolti.

Hernández destava simpatia in alcuni e inimicizia in molti altri, in seguito alle accuse di cui era stato stato accusato e poi assolto per l’omicidio del sindaco di Tanhuato, Gustavo Garibay, avvenuto nel marzo del 2014.

Dalle indagini emerge che sia proprio questo crimine ad avere un collegamento diretto con la sua morte. Il crimine Garibay non è il primo a restare irrisolto.

Il 98 per cento dei delitti in Messico rimane impunito, secondo quanto riportato dalla corrispondente spagnola in Messico del quotidiano El País. 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.