Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Senza categoria

Trasformare una bambola in un premio Nobel

Immagine di copertina

Un'artista ha trasformato le sue bambole Bratz in alcune fra le icone femminili che più stima al mondo, tra cui scrittrici e premi Nobel

L’artista australiana Wendy Tsao con il progetto Mighty Dolls ha trasformato vecchie bambole Bratz – una linea di bambole caratterizzata dalle proporzioni insolite, come occhi molto grandi, labbra gonfie e naso molto piccolo – e dopo averle rivestite e private del trucco pesante, le ha trasformate in alcuni dei suoi idoli femminili. 

L’idea è nata grazie a un’altra artista australiana, Sonia Sigh, che contro l’immagine stereotipata della donna raffigurata solitamente nelle bambole, ha creato Three Change Dolls, una serie di bambole riciclate da modelli Bratz che sono state struccate e leggermente modificate in modo da assomigliare a bambine reali.

Tsao ripropone dunque l’idea di Three Change Dolls con la differenza che le sue bambole non assomigliano a normali bambine, ma ai suoi più grandi idoli femminili. Dal più giovane premio Nobel per la pace Malala Yousafzai, alla scrittrice della serie di Harry Potter Joanne K. Rowling, alla studiosa Jane Goodall, messaggero di pace delle Nazioni Unite nel 2002.

L’obiettivo del progetto è dunque educativo. “Le bambole dovrebbero essere modello e non prodotti di Disney e Hollywood. Mi chiedo se un bambino che gioca con una bambola che raffigura una donna incredibile potrà in futuro ambire ad assomigliarle e credere nelle sue possibilità, più che voler crescere come una Bratz“, racconta l’artista.

Inoltre, spiega che ha preferito rappresentare le sue donne idolo da piccole perché così i bambini che ci giocano potranno identificarsi meglio in loro: “Dobbiamo mostrare ai bambini che anche queste donne straordinarie sono state bambine un tempo e che tutti hanno del potenziale”.  

Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Bloodshot: tutto quello che c’è da sapere sul film
Esteri / California, pitbull azzanna bimba di un anno: la madre lo accoltella a morte
Lavoro / L’importanza di compilare un foglio presenze mensile
Ti potrebbe interessare
Senza categoria / Bloodshot: tutto quello che c’è da sapere sul film
Esteri / California, pitbull azzanna bimba di un anno: la madre lo accoltella a morte
Lavoro / L’importanza di compilare un foglio presenze mensile
Opinioni / Contatti tra la Cina e il Vaticano: ecco qual è la strategia di Pechino nella guerra Russia-Ucraina
Senza categoria / Deadpool 2: tutto quello che c’è da sapere sul film
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Senza categoria / Il cacciatore e la regina di ghiaccio: tutto quello che c’è da sapere sul film
Senza categoria / Milan Juventus streaming e diretta tv: dove vederla
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Cronaca / “Le mascherine rosa non le indossiamo”: per il sindacato di Polizia il colore non fa onore alla divisa