Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Siberia, trovato un cucciolo congelato 18mila anni fa. Ma si tratta di un cane o di un lupo?

Immagine di copertina
Credit: Sergey Fedorov/The Siberian Times

Scienziati al lavoro per risolvere il mistero dell'esemplare di cucciolo, i cui resti sono rimasti imprigionati nel ghiaccio

Siberia, trovato un cucciolo congelato 18mila anni fa. Ma si tratta di un cane o di un lupo?

I resti di un cucciolo sono stati trovati in Siberia praticamente intatti dopo essersi conservati nel ghiaccio per 18mila anni. A compiere la stupefacente scoperta sono stati gli scienziati del Centro svedese di paleogenetica.

Gli scienziati russi hanno fornito campioni di antichi esemplari canini al Centro svedese di paleogenetica (CPG) per stabilire se si tratti un cucciolo di lupo – come inizialmente sospettato – o di un cane.

Studiando il dna dell’esemplare, tuttavia, gli scienziati non sono ancora riusciti a stabilire se si tratti di un lupo o di un cane dell’Era glaciale. L’ipotesi – affascinante – è che possa trattarsi dell’anello mancante della transizione evolutiva tra queste due specie.

Il cucciolo è un maschio di appena due mesi. È dotato di peculiari zanne a punta di freccia ed è stato trovato nell’estate 2018 in una massa di terreno ghiacciato vicino al fiume Indigirka, a nord-est della città più fredda del mondo, Yakutsk.

Credit: Sergey Fedorov/The Siberian Times

La causa della morte non è ancora stata stabilita dagli scienziati, ma si pensa che la giovane bestia non fosse in pericolo quando è morta durante il Paleolitico superiore.

Il cucciolo è stato chiamato “Dogor” – che significa “Amico” nella lingua locale di questa zona della Siberia. Tuttavia in inglese il nome esprime anche il dubbio se si tratti di un cane o di qualcos’altro.

Il dottor Sergey Fedorov, dell’Istituto di ecologia applicata del Nord, presso l’Università federale nord-orientale della Russia, ha dichiaratoThe Siberian Times che saranno condotte ulteriori analisi per risolvere il mistero di questo cucciolo di 18mila anni fa.

Australia, è morto il koala salvato dagli incendi

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio