Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”

Immagine di copertina
Credits: NASA, ESA, CSA, STScI

Il telescopio spaziale James Webb continua a raccontare l’Universo attraverso nuove immagini. L’ultima fotografia mostra la galassia ESO 350-40, o anche chiamata “Ruota di carro” per via del suo aspetto. In inglese “Cartwheel”. Nell’immagine, dove è raffigurata con un colore rosa, ha una forma ad anello. Al centro ha il suo nucleo con un’enorme quantità di polvere calda e nelle parti più luminose ci sono giganteschi ammassi stellari. Da qui sembrano partire dei raggi che arrivano all’anello esterno, sede di supernove e aree di formazione stellare. Questo si è espanso per circa 440 milioni di anni e più si espande più penetra nel gas circostante dando vita a nuove stelle. La forma di questa galassia è destinata a evolversi, potrebbe anche tornare lentamente alla sua antica forma a spirale.

Ruota di Carro – che si trova nella costellazione dello Scultore – è nata dalla collisione di due galassie, una delle quali a spirale, proprio come la Via Lattea. L’onda d’urto, espandendosi, ha creato l’anello esterno. È situata a 500 milioni di anni luce dal pianeta Terra e il telescopio spaziale James Webb, che è un po’ come una macchina del tempo, mostra proprio la luce che la galassia emetteva milioni di anni fa. Già Hubble (e altri telescopi della Nasa e dell’Agenzia spaziale europea) aveva individuato Ruota di Carro, ma era avvolta da così tanta polvere interstellare che era stato impossibile studiare la galassia nel dettaglio. Nelle prime immagini, infatti, è possibile vedere bene il nucleo centrale e il bordo granuloso. Il telescopio Webb della Nasa, dell’Esa e dell’agenzia spaziale canadese, invece, riesce a catturare la luce infrarossa grazie alla Near-Infrared Camera. Questo ha permesso l’individuazione di singole stelle e regioni di formazione stellare, con le differenze nella distribuzione delle stelle più giovani rispetto alle più vecchie. È stato, poi, possibile identificare anche regioni ricche di idrocarburi e altri composti chimici che formano i raggi a spirale e svelare il comportamento del buco nero al centro della galassia.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Scienza / Così le nostre abitudini alimentari favoriscono la diffusione di pandemie
Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Scienza / Così le nostre abitudini alimentari favoriscono la diffusione di pandemie
Scienza / Spazio, individuato un segnale da una galassia lontana: “batte come un cuore”
Scienza / Stasera la Superluna del cervo, la più grande dell'anno: quando e come vederla
Scienza / La Nasa mostra le immagini scattate dal telescopio Webb che svelano l'alba dell'universo
Scienza / Scoperto il batterio più grande del mondo: è visibile ad occhio nudo e arriva a 2 centimetri
Scienza / Trapiantato un orecchio stampato in 3D con cellule umane: è la prima volta al mondo
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo