Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia

Immagine di copertina

I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia

La pandemia ha provocato un calo drastico del numero di trapianti di organi a livello internazionale, incidendo sull’aspettativa di vita di migliaia di persone. Lo rivela uno studio condotto su 22 paesi, secondo cui i trapianti di rene, fegato, polmone e cuore da donatori umani sono diminuiti del 31 percento durante la prima ondata di Covid-19. Un calo arrivato complessivamente al 15,92% alla fine del 2020, con oltre 11.200 trapianti in meno, dopo che gli ospedali hanno scelto di rinviare interventi chirurgici già programmati con l’arrivo della pandemia di nuovo coronavirus, che ha privato gli ospedali di risorse come posti letto.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Lancet Public Health, ha stimato il costo della riduzione dei trapianti in oltre 48.000 anni di aspettativa di vita complessivamente persi da parte dei pazienti nei 22 paesi analizzati.

Il paese in cui è stato registrato la riduzione maggiore dei trapianti è stato il Giappone, con il 66,71 percento, pari a 1.413 interventi in meno. Il Canada invece ha riportato il calo meno pronunciato, con una diminuzione del 9.86 percento dei trapianti, pari a 227 trapianti in meno. A essere stati più colpiti sono stati i trapianti di rene, diminuiti complessivamente del 19,14 percento, per un totale di 8.560 trapianti in meno.

In Italia il calo complessivo è stato di 525 trapianti, una diminuzione del 16,18 percento, con ben 296 trapianti di rene in meno (-16,17 percento). Secondo lo studio l’Italia, insieme a Stati Uniti, Svizzera, e Belgio è stato uno dei paesi che è riuscito a non ridurre eccessivamente il numero di trapianti, mentre in alcune aree è stata rilevata una cessazione totale dei trapianto di rene e fegato da donatori viventi.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Scienza / Nuova scoperta su Marte, trovato uno strato di ghiaccio spesso 3,7 chilometri sotto alla superficie
Scienza / Eseguito a New York il primo trapianto di un intero occhio: “Progressi eccezionali”
Scienza / Euclid, l’universo mai visto nelle immagini del telescopio spaziale
Ti potrebbe interessare
Scienza / Nuova scoperta su Marte, trovato uno strato di ghiaccio spesso 3,7 chilometri sotto alla superficie
Scienza / Eseguito a New York il primo trapianto di un intero occhio: “Progressi eccezionali”
Scienza / Euclid, l’universo mai visto nelle immagini del telescopio spaziale
Scienza / Ecco Calixcoca, il primo vaccino contro la dipendenza da cocaina e crack: come funziona
Scienza / Il Nobel per la Medicina a Karikó e Weissman: “Studi fondamentali per i vaccini mRNA contro il Covid”
Scienza / Studio italiano su tumori: codice a barre genetico traccia cellule cancro cervello
Scienza / Ancora vivi dopo 46mila anni: scienziati risvegliano vermi trovati nel permafrost siberiano
Scienza / Alzheimer, gli Usa danno piena approvazione a un farmaco che rallenta la malattia
Scienza / Spazio, persi i contatti con il lander Hakuto della Ispace: si è schiantato sulla Luna
Scienza / Oggi è la Giornata mondiale delle malattie rare