Me
HomeScienza

Chi era Herbert Kleber, l’uomo celebrato da Google nel Doodle di oggi, 1 ottobre

Il Doodle di Google di oggi celebra lo psichiatra americano Herbert Kleber: ecco chi era

Di Alice Possidente
Pubblicato il 1 Ott. 2019 alle 00:14 Aggiornato il 1 Ott. 2019 alle 08:51
Immagine di copertina
Il Doodle di Google del 1 ottobre 2019

Herbert Kleber, l’uomo celebrato da Google nel Doodle di oggi 1 ottobre 2019

Herbert Kleber era uno psichiatra americano, acclamato per il suo lavoro innovativo nel trattamento delle dipendenze da sostanze stupefacenti. Perché Google oggi 1 ottobre 2019 gli dedica il Doodle? Perché oggi è il 23esimo anniversario della sua elezione alla prestigiosa National Academy of Medicine.

Il Doodle è stato illustrato da Jarrett J. Krosoczka, artista del Massachusetts e autore del fumetto Hey, Kiddo.

Chi era Herbert Kleber

Herbert Kleber era nato nel 1934. Facendo volontariato per il servizio sanitario pubblico degli Stati Uniti nel 1964, il dottor Kleber fu assegnato a un ospedale carcerario a Lexington, Kentucky, dove migliaia di detenuti venivano curati per dipendenza. Lì notò che la stragrande maggioranza dei pazienti aveva ricadute poco dopo essere stati dimessi. Così ha cominciato a sviluppare un nuovo approccio medico ai pazienti tossicodipendenti.

Il dottor Kleber non vedeva la dipendenza come un “fallimento morale”, ma come un problema medico che andava risolto attraverso la scienza. Piuttosto che punire o far vergognare i pazienti, come avevano fatto molti dei suoi predecessori, il dottor Kleber sottolineava l’importanza della ricerca, ricoverando i pazienti in comunità terapeutiche per evitare che avessero ricadute.

Mentre il presidente George H.W. Bush era in carica, Kleber è stato nominato vicedirettore per la riduzione della domanda presso l’Ufficio della politica nazionale di controllo della droga. I suoi programmi di prevenzione, educazione e cura hanno portato a una riduzione della domanda di droghe illegali.

Insieme alla moglie di allora, la dottoressa Marian W. Fischman, alla Columbia University ha istituito il principale programma di ricerca americano sull’abuso di sostanze. Durante i suoi 50 anni di carriera, Herbert Kleber ha scritto centinaia di articoli e di libri e ha fatto da mentore a numerosi altri medici nel campo del trattamento della dipendenza.

Aiutare i tossicodipendenti a superare la dipendenza attraverso la ricerca è diventata la sua missione di vita. Spesso curava gratuitamente i pazienti che non potevano permetterselo. Ha cambiato il panorama del trattamento della dipendenza salvando innumerevoli vite.

Si definiva un “ottimista perpetuo”. “In quale altro modo potrei lavorare con i tossicodipendenti da 40 anni?”, ha detto una volta.

Com’era Herbert Kleber, raccontato dalla moglie

Il dottor Kleber è morto il 5 ottobre del 2018. Sua moglie, Anne Burlock Lawver, ha raccontato a Google qualcosa di lui.

Per esempio, la sua abile capacità di problem solving. Quando tutti gli altri guardavano in una direzione lui girava (metaforicamente) la testa e trovava soluzioni originali. Oppure la sua arte di negoziare, capacità che gli fu d’aiuto soprattutto per sopravvivere nei grovigli nella burocrazia e per assicurarsi finanziamenti per progetti accademici.

Aveva anche uno spiccato senso dell’umorismo, che spesso usava per risolvere le situazioni spinose. Era spesso auto-ironico quando gli altri lo elogiavano per il suo lavoro. “Sono solo un umile medico di fama mondiale, umile” è una delle dichiarazioni autoreferenziali che citava Herbert Kleber spesso.

Era impavido, professionalmente e nella sua vita personale. Ha difeso le sue convinzioni sulle vittime della dipendenza. E aveva saldi principi etici. Un esempio: rifiutava regali offerti da alcuni dei suoi pazienti molto famosi e ricchi, né socializzava con loro.

Una delle maggiori caratteristiche di Herbert è stata la generosità. Ha guidato un gran numero di ricercatori accademici nel paese. Oltre agli accademici, ha sostenuto la vita professionale e personale di molte persone.

Herbert Kleber era amante dei cani: adorava il suo piccolo Sparky. Infine, la moglie ricorda che adorava la sua famiglia. Le feste come il Ringraziamento e la Pasqua ebraica erano sempre incontri gioiosi. Così come lo erano i viaggi in famiglia.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

“Ho adorato Herb per i motivi sopra elencati e molti altri ancora – ha detto la moglie -. Anche se eravamo molto diversi, mi ha dato un supporto in tutti i miei sforzi. La sua fiducia in me e il sostegno amorevole del mio lavoro mi hanno aiutato a crescere come artista e come persona. Al di là delle parole, mi manca il meraviglioso Herb”.

Alcune rare foto delle pratiche psichiatriche più inquietanti usate tra Ottocento e Novecento

Dentro il Rojava, guerra di Siria