Me

È allarme Candida Auris: il fungo killer resiste ai medicinali e sta infettando l’uomo

La sua ascesa forse dovuta al riscaldamento globale

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 25 Lug. 2019 alle 13:17 Aggiornato il 25 Lug. 2019 alle 13:19
Immagine di copertina
fungo candida auris

È sempre più allarme per la diffusione della Candida auris, il fungo “killer” che sta facendo preoccupare gli esperti di tutto il mondo. Il motivo? È resistente ai farmaci e uccide la metà delle sue vittime nel giro di tre mesi.

Non solo, si sta diffondendo a macchia d’olio proprio adesso per via delle alte temperature che stanno creando le condizioni giuste affinché riesca ad adattarsi e a infettare l’uomo.

A rivelarlo uno studio pubblicato dalla rivista “mBio“, che descrive il primo caso di infezione da fungo spinta dal riscaldamento globale.

Gli studiosi della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, Stati Uniti, hanno confrontato la capacità di sopravvivere alle alte temperature della Candida Auris con altri funghi geneticamente simili.

Il risultato è che questo riesce a crescere proprio con le alte temperature rispetto alle specie similari che, invece, non riescono a tollerare le temperature corporee dei mammiferi.

Proprio questa capacità di adattamento è alla base della diffusione sempre maggiore della Candida Auris che, soprattutto negli Usa, ha fatto registrare centinaia di casi.

“I dati suggeriscono – afferma Arturo Casadevall, che ha coordinato la ricerca – che questo è l’inizio di una fase in cui i funghi si stanno adattando alle alte temperature e stiamo per avere sempre più problemi di questo tipo. Il riscaldamento globale porterà alla selezione di ceppi più tolleranti dal punto di vista termico”.

Candida Auris, il fungo resistente ai farmaci che può uccidere in 90 giorni

Il cervello dei maiali continua a funzionare quattro ore dopo la morte: l’incredibile scoperta scientifica