Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

“Il Coronavirus non è partito dal mercato di Wuhan”: lo studio

Immagine di copertina

“Il Coronavirus non è partito dal mercato di Wuhan”

Un nuovo studio avrebbe smentito la tesi secondo cui il Coronavirus sia partito dal mercato di Wuhan e trasmesso all’uomo da un animale selvatico (pangolino o pipistrello). Secondo lo studio del Broad Institute, il virus è stato trasmesso da un essere umano, precedentemente infettato. I ricercatori avrebbero riscontrato una pre-adattabilità mostrata dal Covid-19 nel diffondersi da uomo a uomo.

Il nuovo studio esamina campioni genetici di pazienti insieme a quelli prelevati durante l’epidemia di Sars del 2002/2004, un Coronavirus trasmesso dai pipistrelli agli esseri umani tramite la manipolazione e il consumo di zibetti. I ricercatori, Alina Chan e Ben Deverman, sono scienziati del Broad Institute, un’unità di ricerca affiliata ad Harvard e al Massachussetts Institute of Technology; a questi si unisce anche Shing Zhan, scienziato dell’Università della British Columbia.

Coronavirus, lo studio: “Il virus non è stato trasmesso da un animale, ma da un essere umano”

“I dati genetici disponibili non evidenziano la capacità di trasmissione del virus da parte delle specie presenti nel mercato di Wuhan”. Gli scienziati dunque smentiscono la trasmissione “zoonotica” (da animale a uomo). “Dovrebbe essere considerata la possibilità che un precursore non geneticamente modificato possa adattarsi all’uomo mentre viene studiato in un laboratorio”. Gli scienziati, poi, evidenziano come tutto questo fosse già piuttosto evidente dopo l’analisi svolta su un paziente di Wuhan contagiato lo scorso dicembre.

La tesi portata a galla dagli scienziati darebbe man forte all’idea che la Cina abbia insabbiato la questione. Tory Bob Seely, membro del Comitato per gli Affari Esteri della Commons, ha dichiarato: “Dobbiamo andare a fondo in molte cose in relazione a Covid-19. Dobbiamo sapere da dove è partito questo virus, perché una volta ci fu detto che non vi era alcuna trasmissione umana. Qual è il ruolo del Partito comunista cinese?”.

Leggi anche:

1. Il mistero di Shi Zhengli, la ricercatrice che lavorava nel laboratorio Wuhan della quale si sono perse le tracce / 2. Coronavirus, i Mondiali militari di Wuhan e la ciclista Benassi finita nel mirino dei complottisti di Usa e Cina / 3. Dopo l’emergenza Covid, Wuhan è diventata la destinazione numero uno dei turisti cinesi

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio