Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Un computer Apple-1 perfettamente funzionante e conservato è pronto ad andare all’asta

Immagine di copertina

Il primo computer assemblato e venduto da Steve Wozniak e Steve Jobs negli anni '70 andrà al miglior offerente il prossimo 25 settembre

Un esemplare perfettamente conservato e funzionante di Apple-1 ossia il primo computer messo a punto dall’allora neonata società con il simbolo della mela (non ancora morsicata) è pronto a essere messo all’asta. La data è quella del prossimo 25 settembre e la location è il WeWorks di Boston

Un’occasione imperdibile per i fan di Apple dall’ampio portafoglio, che possono mettere le mani su un prezzo davvero unico della storia dell’informatica stessa.

Presentato nell’aprile 1976 all’Homebrew Computer Club di Palo Alto, Apple-1 era stato progettato e realizzato da Steve Wozniak, aiutato in minima parte dall’altro co-fondatore Steve Jobs. Fu messo in vendita per un prezzo significativo di 666,66 dollari dal settembre 1977 con una “tiratura” di 200 esemplari.

Questo esemplare di Apple-1 è stato recentemente restaurato è sistemato dall’esperto informatico Corey Cohen e ha ricevuto un rating di 8,5 su 10 per quanto riguarda lo stato di conservazione di funzionamento.

Il pacchetto include buona parte dei componenti originali di Apple-1 come la scheda madre, i manuali (scritti dal terzo co-fondatore, il dimenticato Ronald Wayne), la tastiera, il monitor video e accessori vari.

È uno dei 60-70 ancora presenti. All’epoca della produzione furono venduti tutti gli esemplari tranne 25 e fu seguito dal secondo modello, Apple-2. Molti dei possessori di Apple-1 lo riconsegnarono alla casa madre per passare al successivo e tutti i computer ricevuti furono all’epoca rottamati.

Questo pezzo di storia sarà dunque messo all’asta al miglior offerente il prossimo 25 settembre e aspettiamoci rilanci consistenti. La sua valutazione dovrebbe partire da minimo trecentomila dollari ma potrebbe arrivare addirittura fino a ottocentomila dollari, visti i precedenti.

Curiosamente, il 25 settembre sarà pochi giorni dopo il presunto debutto dei nuovi iPhone 2018 sulla scena globale.

Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Scienza / Cina, scoperto un uovo con embrione di dinosauro. Ha 70 milioni di anni
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Scienza / Cina, scoperto un uovo con embrione di dinosauro. Ha 70 milioni di anni
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina