Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

“Quando moriamo ce ne accorgiamo”: le scioccanti rivelazioni di un nuovo studio scientifico

Immagine di copertina

Il cervello continua a funzionare anche dopo la morte. È questa l’ultima scoperta scientifica riportata dal giornale britannico Mirror.

Secondo i ricercatori che hanno condotto questo studio sulla consapevolezza post-mortem non è da escludere che il cervello umano continui a funzionare dopo la morte, anche se per uno spazio di tempo ridotto.

Se fosse vero, sarebbe possibile rendersi conto di essere morti immediatamente dopo il decesso e avere una chiara percezione di quello che ci sta accadendo intorno.

Gli scienziati che hanno condotto la ricerca hanno affermato che gli esseri umani sarebbero continuano ad essere consapevoli del mondo che li circonda anche dopo che il cuore ha smesso di battere.

Il cervello infatti, spiegano i ricercatori, continua a funzionare per un breve periodo di tempo anche se tutti gli altri organi vitali non sono più in funzione.

Nel condurre la loro ricerca, gli scienziati si sono concentrati sulle esperienze di coloro che sono sopravvissuti ad un arresto cardiaco e che hanno raccontato di aver avuto un’esperienza pre-morte prima di “tornare in vita”.

La ricerca è stata riportata anche sul sito LiveScience e nell’articolo il dottor Sam Parnia, che ha coordinato lo studio, ha spiegato che le persone sopravvissute ad un arresto cardiaco erano in grado di descrivere accuratamente cosa stava succedendo attorno a loro anche dopo che il loro cuore aveva smesso di battere.

“Raccontano di aver visto i dottori e le infermiere lavorare intorno a loro e si ricordano le loro conversazioni”, ha affermato il dottor Parnia, illustrando i risultati del suo lavoro.

Se le conclusioni di questa ricerca dovessero essere confermate, vorrebbe dire che anche dopo la morte la persona appena deceduta sarebbe in grado di percepire il mondo intorno a sé.

In questo modo potrebbe capire che il suo cuore ha smesso di battere e anche sentire i medici che constatano l’avvenuto decesso.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Scoperto il batterio più grande del mondo: è visibile ad occhio nudo e arriva a 2 centimetri
Scienza / Trapiantato un orecchio stampato in 3D con cellule umane: è la prima volta al mondo
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Ti potrebbe interessare
Scienza / Scoperto il batterio più grande del mondo: è visibile ad occhio nudo e arriva a 2 centimetri
Scienza / Trapiantato un orecchio stampato in 3D con cellule umane: è la prima volta al mondo
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Scienza / Come funziona la bomba atomica e perché si parla di “bomba A” e “bomba H”
Scienza / Quali sono gli effetti a lungo termine della bomba atomica: cosa succede dopo esplosione
Scienza / Quali danni potrebbe causare la bomba atomica
Scienza / Bomba atomica, tutto quello che c’è da sapere: chi l’ha inventata e quali danni ha causato
Scienza / Che cos’è la bomba atomica: come e quando è nata