Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Un asteroide potrebbe colpire la Terra il prossimo 2 novembre

Immagine di copertina

Un asteroide è diretto verso la Terra e potrebbe colpirci il prossimo 2 novembre. A calcolarlo è la Nasa, attraverso il centro che si occupa degli oggetti “vicini” che possono minacciare il nostro pianeta. Per fortuna, è bene chiarirlo subito, il rischio di un violento impatto è assai limitato. Il diametro di 2018VP1 non supera i tre metri, per cui le probabilità che possa colpire la Terra sono appena dello 0,41%.

“Questo asteroide si sta avvicinando dalla parte del cielo diurno, quindi solamente quando sarà prossimo al momento del passaggio e la sua osservazione sarà più agevole in orario notturno”, spiega Gianluca Masi, astrofisico del Virtualtelescope,”Succede molte volte che ci sia un’alta incertezza sull’orbita, per piccoli asteroidi come questo, osservati a ridosso del passaggio. La sua taglia molto modesta, anche se dovesse verificarsi un impatto, non desta comunque preoccupazione. Vedremmo al massimo un grosso bolide”.

Il ridotto diametro, inoltre, farebbe in modo che gran parte dell’asteroide si disintegrerebbe entrando in atmosfera. Insomma, la fine del mondo non è imminente, nonostante un 2020 non esattamente esaltante. Gli asteroidi in grado davvero di produrre danni enormi sono di dimensioni molto più considerevoli, con un diametro di centinaia di metri se non addirittura chilometri. Per il momento nessuno di essi sembra essere in rotta di collisione con la Terra. Nel 2013 una meteora con un diametro stimato di 15 metri e una massa di migliaia di tonnellate fece danni in Siberia, a Celjabinsk, provocando oltre mille feriti ma nessun morto.

Leggi anche: Un asteroide gigante sta per “sfiorare” la Terra. Nasa: “Più grande del 90% della media”

Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio
Scienza / La crisi climatica rende fino a 9 volte più probabili le inondazioni che hanno devastato la Germania
Esteri / Tutto quello che (non) sappiamo sulla terza dose
Scienza / Risposte alla scienza vecchia della senatrice Cattaneo (di Piero Bevilacqua)
Scienza / Studio italiano scopre come il virus attacca tutto l'organismo
Scienza / Vaccini, lo studio su Pfizer e Moderna: “Ecco per quanto tempo proteggono dal Covid”
Scienza / Come reagisce il nostro cervello a smart working e didattica a distanza: lo studio