Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Nasa: “Gli alieni potrebbero essere già stati sulla Terra”

Immagine di copertina

Lo studio è stato presentato da uno scienziato che ha analizzato altre forme di vita non composte da carbonio

E.T. l’extra-terreste, Alien e Mars Attacks!: ciò che ha raccontato il cinema non solo può essere vero, ma persino già accaduto. Secondo Silvano P. Colombano, scienziato della Nasa che lavora nella Divisione Intelligent Systems, gli alieni potrebbero aver già visitato la Terra ma l’uomo non se n’è ancora accorto. A riportare la notizia è stato il Daily Mail.

Gli alieni e la Terra: cosa pensa uno scienziato della Nasa

Secondo l’esperto della Nasa potrebbero esistere forme di vita che non sono formate da carbonio – a differenza di quelle presenti sul pianeta.

“Vorrei semplicemente sottolineare il fatto che le forme di intelligenza che potremmo trovare e che potrebbero scegliere di trovarci, se non lo hanno già fatto, potrebbero non essere affatto composte da organismi a base di carbonio come noi” ha difatti spiegato Colombano in un documento presentato per la prima volta, nel marzo 2018, al Decoding Alien Intelligence Workshop organizzato dal Search for Extraterrestiral Intelligence.

Per lo scienziato, dunque, le conoscenze dell’uomo sulla vita extraterrestre sono ancora troppo limitate. Inoltre, secondo Colombano è possibile che gli alieni abbiano superato la tecnologia umana. Addirittura non esclude che abbiano compiuto viaggi interstellari.

“Considerando che lo sviluppo tecnologico nella nostra civiltà è iniziato solo 10mila anni fa e che ha visto espandersi le metodologie scientifiche solo negli ultimi 500 anni – ha commentato Colombano – si può supporre che avremmo difficoltà a prevedere l’evoluzione tecnologica anche per i prossimi mille anni, figuriamoci se si parla di 6 milioni di volte quella cifra”.

Per l’esperto della Nasa, quindi, le convizioni dell’essere umano andrebbero riviste. Per questo motivo ha invitato i fisici ad essere flessibili, a mostrare “disponibilità a estendere le possibilità infinite dello spazio-tempo e dell’energia”. Infine ha sottolineato la necessità di “considerare il fenomeno UFO degno di studio”.

Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Scienza / Cina, scoperto un uovo con embrione di dinosauro. Ha 70 milioni di anni
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Scienza / Cina, scoperto un uovo con embrione di dinosauro. Ha 70 milioni di anni
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina