Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Nasa: “Gli alieni potrebbero essere già stati sulla Terra”

Immagine di copertina

Lo studio è stato presentato da uno scienziato che ha analizzato altre forme di vita non composte da carbonio

E.T. l’extra-terreste, Alien e Mars Attacks!: ciò che ha raccontato il cinema non solo può essere vero, ma persino già accaduto. Secondo Silvano P. Colombano, scienziato della Nasa che lavora nella Divisione Intelligent Systems, gli alieni potrebbero aver già visitato la Terra ma l’uomo non se n’è ancora accorto. A riportare la notizia è stato il Daily Mail.

Gli alieni e la Terra: cosa pensa uno scienziato della Nasa

Secondo l’esperto della Nasa potrebbero esistere forme di vita che non sono formate da carbonio – a differenza di quelle presenti sul pianeta.

“Vorrei semplicemente sottolineare il fatto che le forme di intelligenza che potremmo trovare e che potrebbero scegliere di trovarci, se non lo hanno già fatto, potrebbero non essere affatto composte da organismi a base di carbonio come noi” ha difatti spiegato Colombano in un documento presentato per la prima volta, nel marzo 2018, al Decoding Alien Intelligence Workshop organizzato dal Search for Extraterrestiral Intelligence.

Per lo scienziato, dunque, le conoscenze dell’uomo sulla vita extraterrestre sono ancora troppo limitate. Inoltre, secondo Colombano è possibile che gli alieni abbiano superato la tecnologia umana. Addirittura non esclude che abbiano compiuto viaggi interstellari.

“Considerando che lo sviluppo tecnologico nella nostra civiltà è iniziato solo 10mila anni fa e che ha visto espandersi le metodologie scientifiche solo negli ultimi 500 anni – ha commentato Colombano – si può supporre che avremmo difficoltà a prevedere l’evoluzione tecnologica anche per i prossimi mille anni, figuriamoci se si parla di 6 milioni di volte quella cifra”.

Per l’esperto della Nasa, quindi, le convizioni dell’essere umano andrebbero riviste. Per questo motivo ha invitato i fisici ad essere flessibili, a mostrare “disponibilità a estendere le possibilità infinite dello spazio-tempo e dell’energia”. Infine ha sottolineato la necessità di “considerare il fenomeno UFO degno di studio”.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposte alla scienza vecchia della senatrice Cattaneo (di Piero Bevilacqua)
Scienza / Studio italiano scopre come il virus attacca tutto l'organismo
Scienza / Vaccini, lo studio su Pfizer e Moderna: “Ecco per quanto tempo proteggono dal Covid”
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposte alla scienza vecchia della senatrice Cattaneo (di Piero Bevilacqua)
Scienza / Studio italiano scopre come il virus attacca tutto l'organismo
Scienza / Vaccini, lo studio su Pfizer e Moderna: “Ecco per quanto tempo proteggono dal Covid”
Scienza / Come reagisce il nostro cervello a smart working e didattica a distanza: lo studio
Scienza / Superluna di fragola, oggi 24 giugno 2021: quando e come vederla, orario, diretta streaming
Scienza / Bozza rapporto Onu sul clima: impatto riscaldamento climatico arriverà prima di quanto temuto
Cronaca / Rimosse due vertebre, raddrizzata schiena curva di 100 gradi: l’intervento senza precedenti a Bologna
Scienza / Il misterioso pesce sopravvissuto ai dinosauri che può vivere 100 anni
Scienza / Anche nei vaccini le donne sono discriminate: quando la medicina non considera il sesso
Scienza / Superluna di sangue, oggi lo spettacolo dell’eclissi totale: quando e come vederla