Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Una misteriosa sindrome sta colpendo i fumatori di marijuana: i medici lanciano l’allarme, ecco cosa si rischia

Immagine di copertina
Una canna di marijuana

Nausea, vomito, problemi allo stomaco. Negli Stati Uniti si è registrato un boom di viste al pronto soccorso legate al consumo di marijuana: si chiama sindrome da iperemesi da cannabinoidi ed è ancora poco conosciuta.

I ricercatori ancora non hanno chiarito cosa sia in particolare a scatenarla ma è stato appurato che, l’unica soluzione per evitare di incorrergli, è quella di smettere di fumare marijuana.

I primissimi casi si erano registrati in Australia nel 2014 ma, fino ad oggi, erano sempre state considerate circostanze isolate. Con l’aumento degli episodi anche in Europa e in America, soprattutto dopo la legalizzazione della marijuana in alcuni Stati, i medici si sono resi conti che il problema era ben più vasto.

Lo studio che conferma quanto la sindrome sia diffusa viene proprio dagli Stati Uniti: dopo che la cannabis è stata legalizzata per ragioni mediche (2009) e ricreative (2014) in Colorado, i medici hanno riscontrato circa 2.500 visite al pronto soccorso connesse al consumo di cannabis. L’ospedale oggetto di queste rilevazioni è stato quello del campus medico dell’Università del Colorado ad Anschutz, non lontano da Denver.

Lo studio è uscito sulla rivista scientifica “Annals of Internal Medicine“. Il motivo per cui, finora, la portata reale di questa sindrome è rimasta sconosciuta è da collegare al fatto che, fino a qualche anno fa, la marijuana non era così diffusa o comunque non era legalizzata come lo è adesso.

Il M5s ha presentato un disegno di legge sulla legalizzazione della cannabis

Spacciava e rilasciava la ricevuta “per cessione dose stupefacente”: arrestato un 21enne ad Arezzo

Ti potrebbe interessare
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Ti potrebbe interessare
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni